“Non avrei giurato in gonna e tacchi, piuttosto avrei rinunciato a tutto anziché provare quella sofferenza. Quello che ero non poteva essere messo da parte per quello che facevo”. Così, sulla pagina Facebook di Polis Aperta – associazione di volontariato Lgbt+ delle forze dell’ordine – , Alessio Avellino racconta la sua esperienza: è uno dei pochi poliziotti transgender in Italia. Il 26enne originario di Napoli ricorda: “Sono partito per il 208° Corso Agenti della Polizia di Stato ad agosto 2019, con la consapevolezza di dover affrontare il periodo di formazione considerato come una ragazza, perché così urlavano i miei documenti e tant’è, per quanto doloroso fosse, anche il mio corpo. Nel buio di una notte di quel mese, nel caldo napoletano poco dopo aver saputo la destinazione, davanti ai miei occhi apparì il video di un giuramento di qualche anno prima e lì, presi consapevolezza di una realtà più dolorosa di tutte le altre: le donne giuravano in gonna e gli uomini in pantaloni”.

In quei giorni, spiega, scopre la storia di Michela Pascali, segretaria generale di Silp Cgil dichiaratamente lesbica: “In me, si aprì la speranza di poter avere un contatto con qualcuno che indossasse quei colori e non era completamente avulso dal mondo Lgbt+”. Pascali lo aiuta, insieme alla compagna di stanza e ad altri che “Hanno fatto in modo che fossi Ale, dandomi il maschile nei momenti extra-formativi e alleviando l’inadeguatezza con la comprensione dettata dal cuore e non dalla conoscenza”. Infine, prosegue nel post su Facebook: “Ho giurato in pantaloni, poco dopo il lockdown generale, senza la grande cerimonia che tutti abbiamo nell’immaginario. Ho giurato in pantaloni perché le molteplici divise che hanno incontrato la mia richiesta si sono spese uniformemente nella risposta al mio bisogno. E il giorno del giuramento è stato per me gioia, nonostante tutto, perché quello che ero si era, in parte, allineato con ciò che ero chiamato a fare”. Conclude ringraziando la pagina Facebook su cui scrive: “Polis Aperta esiste per questo: per tutti gli Alessio che hanno paura di non potercela fare e hanno bisogno di leggere che una Michela c’è”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili