Sanremo 72 Amadeus Ter è finito. Trionfano, com’era ovvio sin dalla prima serata, Mahmood e Blanco. Non hanno solo portato una bellissima canzone, ma hanno offerto una nuova prospettiva e una presenza scenica davvero potente. Nessuno sa con certezza se ci ritroveremo lo stesso direttore artistico pure l’anno prossimo, anche perché ogni volta che Amadeus dice “Quest’anno è l’ultimo”, puntualmente non lo è manco per nulla. Intanto, in questa serata finale, il mega conduttore galattico decide di farsi affiancare da Sabrina Ferilli ed è bastato solo vederla alla conferenza stampa, per capire che stasera Amadeus sarebbe rimasto un passo indietro. E così è stato, come mai prima d’ora. Sabrina sul palco è una presenza totalizzante, ma mai invasiva, fresca e divertente, ma mai sguaiata. Tutto è in scaletta, ovviamente, nulla o quasi è lasciato al caso ma, per fare una citazione un po’ nerd dal film Harry Potter e la Camera dei segreti “Sono le scelte che facciamo che dimostrano ciò che siamo veramente, molto più delle nostre capacità” e chi come Sabrina Ferilli, sceglie di non parlare per forza di temi che fanno tendenza , di non tediare il pubblico di Sanremo con monologhi confezionati ad arte solo per legittimare la sua presenza al Festival, allora dimostra davvero la propria forza e soprattutto la propria intelligenza sopraffina. Nel caso Amadeus decida davvero di non condurre nuovamente il prossimo Sanremo, abbiamo un duo che spacca da proporre a Coletta: Drusilla Foer e Sabrina Ferilli. O al massimo un bel programma in prima serata. Ferilli a parte, questa finale di Sanremo scivola via con molta tranquillità. Le 25 canzoni sono decisamente al centro dello spettacolo e questo è un merito che bisogna riconoscere alla conduzione di Amadeus. Musica in primo piano, che però non basta a far sì che la serata si concluda ad un orario decente, visto che l’esibizione dei cantanti in gara termina all’una passata. E poi, bibbidi bobbidi bù, all’1:30 arriva sul palco Orietta Berti vestita da Fata Madrina. Canta Luna Piena, un pezzo magnificamente trash che sembra scritto da Malgioglio dopo quattro gin tonic.
Menzione speciale per il terzo posto di Gianni Morandi, che alla tenera età di 77 anni ha sfiorato la partecipazione all’Eurovision Song Contest 2022. Il secondo posto è invece di Elisa, anche lei una conferma sin dalla prima serata. Un minuto di silenzio per tutta quella caterva di fiori sprecati durante questo Sanremo. La festa è ormai finita, gli amici se ne vanno e da domani si tornerà tutti a fare i virologi su Facebook. Con le mani, con le mani, con le mani, ciao ciao!

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanremo 2022, da Sabrina Ferilli mi aspettavo qualcosa in più. La cosa più bella? Il gesto di Sangiovanni

next