È deciso: gas e nucleare sono fonti energetiche utili alla transizione ecologica e possono avere, a determinate condizioni, l’etichetta Ue per gli investimenti verdi. Lo ha stabilito la Commissione europea con l’adozione del relativo atto delegato. Come annunciato, il provvedimento è stato varato con modifiche marginali rispetto alla bozza del 31 dicembre scorso e ora dovrà essere esaminato da Consiglio e Parlamento.

Sono consentiti gli investimenti per gli impianti che producono meno di 100 grammi di CO2 per kWh, un limite ritenuto da diverse parti molto basso che può essere raggiunto solo dalle installazioni che usino sistemi di sequestro e stoccaggio della CO2. Le modifiche rispetto al testo di fine 2021 riguardano soltanto l’eliminazione delle tappe intermedie sulla percentuale di gas a basse emissioni di carbonio da raggiungere: ovvero il 30% entro il 2026, il 55% entro il primo gennaio 2030 e 100% entro il 31 dicembre 2035. La richiesta era arrivata dalla Germania, che temeva di non avere abbastanza tempo per sviluppare tecnologie alternative come l’idrogeno. L’altra novità è la specificazione di chi deve presentare i piani geologici profondi per le scorie nucleari: la Commissione ha chiarito che saranno gli Stati membri a doverli presentare.

“Gli Stati membri restano pienamente responsabili delle proprie strategie energetiche”, ha precisato la commissaria Ue alla finanza sostenibile Mairead McGuinness. La tassonomia “non rende obbligatori investimenti in alcuni settori” né “proibisce certi investimenti”. Resta perciò “Uno strumento volontario”. L’atto delegato “può essere imperfetto ma è una vera soluzione che ci spinge ulteriormente verso il nostro obiettivo finale di neutralità del carbonio”, ha proseguito McGuinness in conferenza stampa. “Credo che abbiamo trovato un equilibrio tra opinioni molto differenti”, assicurando che “il Collegio dei Commissari lo ha approvato esprimendo un sostegno schiacciante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Extinction Rebellion imbratta ancora il ministero della Transizione ecologica, dieci attivisti in stato di fermo: ‘7mila euro di danni’

next
Articolo Successivo

Blitz con vernice rossa al ministero della Transizione ecologica. Gli attivisti di Extinction Rebellion: “Siamo disperati” – Video

next