Se Mario Draghi lascia Palazzo Chigi per salire al Quirinale, Forza Italia “uscirebbe dalla maggioranza“, aprendo la strada al voto. Silvio Berlusconi arriva a Roma per dare il via al “conclave” del centrodestra e alla vigilia degli incontri con gli alleati il piano resta quello di sempre: la sua candidatura per il Colle. Anzi, il leader di Fi rilancia agitando subito lo spettro delle elezioni anticipate. “FI non si sente vincolata a sostenere alcun governo senza Draghi a Palazzo Chigi, e, nel caso, uscirebbe dalla maggioranza”: è l’altolà che arriva da Berlusconi. Una sfida a Draghi, impegnato poco dopo in una conferenza stampa in cui ha svicolato dalle domande sul Quirinale. Un messaggio agli alleati, ma anche a chi non vuole rischiare di perdere il posto in Paralmento. Indiscrezioni a cui replica duramente il segretario del Pd, Enrico Letta: “Penso che Berlusconi smentirà quelle parole. Se fossero state dette veramente sarebbero molto gravi. La tempistica è sbagliata, profondamente”. Chiarendo che in questo modo il leader di Fi sarebbe responsabile di un muro contro muro sul Colle.

Berlusconi per ora però tira dritto. E il coordinatore azzurro Antonio Tajani fa capire che non esiste un piano B. “Se Draghi resta a Palazzo Chigi si va a votare nel 2023, altrimenti il governo è destinato a cadere”, concorda il vicepresidente di Forza Italia, augurandosi che nel vertice di centrodestra Berlusconi sciolga definitivamente la riserva: lui al Quirinale e Draghi a Palazzo Chigi “sarebbero un’ottima coppia per sostenere il ruolo dell’Italia a livello internazionale”. Posto, comunque, che alle prossime elezioni Fi non porrà “alcun veto” a Matteo Salvini o Giorgia Meloni come premier. È l’offerta recapitata agli alleati, ma per ora sia la Lega sia Fdi continuano a restare cauti. “Sto lavorando da giorni con contatti a 360 gradi per garantire una scelta rapida, di alto profilo e di centrodestra”, dice il leader del Carroccio. Intanto anche Giovanni Toti e Luigi Brugnaro saranno nelle prossime ore a Roma per riunire mercoledì i parlamentari di Coraggio Italia: al momento sarebbero 31 i grandi elettori. “Ogni ragionamento è ancora da fare..”, dice il presidente della Liguria.

Così come resta da fare ancora il ragionamento del campo del centrosinistra dove l’unica certezza per ora è il no a Berlusconi. Nella giornata di martedì si riuniranno i deputati 5 Stelle, la segreteria del Pd e ci sarà un probabile nuovo incontro Letta-Conte-Speranza prima dell’assemblea congiunta M5s con Giuseppe Conte prevista per mercoledì e della Direzione dem che Letta ha convocato per giovedì 13 gennaio. Lo stesso Letta ha già chiarito qual è la sua strategia: continuità di governo e un capo dello Stato non divisivo. E “Berlusconi è un capo partito, quindi è divisivo per definizione, come me, Salvini, Conte”, dice ancora il segretario Pd a Metropolis live. Ribadendo un concetto: “Questo Parlamento è senza maggioranza, come tale il Presiedente non può che uscire da uno sforzo condiviso”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Draghi in conferenza stampa blocca le domande sul Colle: “Non risponderò a questioni su sviluppi futuri come il Quirinale”

next
Articolo Successivo

Morto David Sassoli, il cordoglio delle istituzioni europee e italiane. Mattarella: “Uomo del dialogo”. Von der Leyen: “Un grande europeo”

next