Da coprifuoco e zone rosse a prescrizioni minime, con impatto prossimo allo zero sulla quotidianità. Era un anno fa, il Natale con al massimo due invitati a tavola e le strade deserte dopo le 22. Gli stadi vuoti e la grande paura di dover ripiombare in un altro lockdown duro. Ogni giorno se ne andavano quattrocento tra nonni, genitori e zii. Adesso i ristoranti sono aperti e chi si è vaccinato può sedersi in dodici, uno accanto all’altro, amici e colleghi. Sconsigliabile con la grande cavalcata della variante Omicron, ma comunque possibile con le dovute accortezze. Resta la prudenza e bisogna ancora fare attenzione, eppure in un anno, da un punto di vista del rischio di ritrovarsi in un letto di ospedale, è cambiato molto. Purtroppo ancora non tutto. È diverso soprattutto per chi si è vaccinato e lo dimostrano i numeri, incontrovertibili.

La situazione di 15 mesi fa – Il confronto tra quanto è avvenuto tra l’1 ottobre 2020 e il 25 dicembre dello scorso anno rispetto agli ultimi 3 mesi chiarisce, meglio di qualsiasi discorso sull’efficacia dei vaccini, quanto la somministrazione di massa dei composti autorizzati abbia cambiato la prospettiva della lotta alla pandemia e concesso spazi di libertà che altrimenti, tra le varianti Delta prima e Omicron ora sarebbero stati impensabili. L’1 ottobre dello scorso anno i morti accertati di Covid-19 erano 35.918 da inizio pandemia, in ospedale si trovavano 3.097 contagiati con sintomi e altri 291 venivano assistiti in terapia intensiva.

I tre mesi della grande ondata – Poi l’arrivo dell’autunno, le temperature rigide e quindi i primi giorni d’inverno con la necessità di richiudere quasi tutto nel mezzo. In due mesi e 25 giorni vennero accertati 1.710.945 nuovi casi, i decessi furono 35.441 portando il totale a 71.359 da febbraio 2020, in ospedale si ritrovarono 23.402 persone in area medica e 2.584 in terapia intensiva. A conti fatti in poco meno di tre mesi i posti letto occupati erano aumentati di 20.305 nei reparti e di 2.293 nelle rianimazioni. E tutto questo nonostante le restrizioni pesantissime per tutta la popolazione.

Un anno dopo – Negli ultimi tre mesi i casi sono stati circa il 40% in meno, nonostante sia rimasto tutto aperto ovunque, sia notevolmente aumentata la capacità di testing e la variante Omicron abbia fatto schizzare le infezioni nelle ultime due settimane: dall’1 ottobre 2021 ad oggi sono stati 946.673 le positività accertate. Hanno un avuto un impatto sulle strutture sanitarie? Sì, ma notevolmente inferiore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I posti letto occupati sono 8.885, ovvero 5.767 in più rispetto ai 3.118 dell’1 ottobre, e altri 1.071 ospitano un malato Covid in terapia intensiva, vale a dire 642 in più dei 429 di 88 giorni fa. Quante persone sono morte? Le perdite sono ancora gravi, ma decisamente ridotte rispetto a un anno fa: 5.557 decessi, da 130.973 totali dell’1 ottobre ai 136.530 del giorno di Natale. Tradotto: un settimo dello stesso periodo dello scorso anno.

Twitter: @andtundo

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, l’evoluzione della pandemia del mondo da gennaio 2020 a oggi: la videoanimazione della Johns Hopkins University

next