Sarà un Natale “di prudenza, grazie alla quale possiamo trascorrere le feste con i nostri cari. Dobbiamo essere attenti ai nostri comportamenti e consapevoli che la variante Omicron circola molto velocemente in Italia, proprio per non rinunciare agli affetti. L’augurio per tutti è di essere così, sereni ma attenti”. Così Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto superiore di sanità e portavoce del Comitato tecnico scientifico in un’intervista a Repubblica, dove spiega che “nelle ultime due settimane si sta diffondendo progressivamente la variante Omicron. In questo momento convive con le Delta ma in prospettiva finirà per dominare, visto che è molto più trasmissibile. Il numero dei casi quindi è destinato a crescere ancora“.

Secondo Brusaferro, “si apre una fase nuova. Abbiamo fortunatamente una copertura vaccinale elevata, comunque migliorabile, e questo ci ha preservato e ci sta ancora preservando da conseguenze troppo negative – dice -. Però dobbiamo ritirare fuori quella che io definisco la nostra ‘cassetta degli attrezzi’ per contrastare il virus, e intanto cerchiamo di capire meglio come si svilupperà la variante”. E dunque avanti con le terze dosi dei vaccini e attenzione alle misure comportamentali: usare la mascherina, evitare i sovraffollamenti rispettando il distanziamento, fare attenzione nell’aerare gli ambienti e nel lavarsi le mani. “In queste vacanze dobbiamo essere particolarmente attenti”, è la raccomandazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Discoteche, la chiusura decisa dal governo alla vigilia delle feste e senza fare cenno ai ristori. I gestori: “Cosa diremo ai nostri lavoratori?”

next
Articolo Successivo

Covid, il report dell’Iss: “Incidenza settimanale dei casi continua ad aumentare, ora a 351. Rt stabile a 1,13. Terapie intensive piene al 10,7%”

next