Le notizie sulla pandemia dall’Italia e dal mondo, ora per ora:

11.58 – Spagna, Sánchez: “Abbiamo il 90% della popolazione vaccinata, le famiglie potranno festeggiare il Natale”
“Padri e madri potranno festeggiare il Natale con i loro figli, i nonni e le nonne con i loro nipoti e figli”: lo ha affermato il premier spagnolo, Pedro Sánchez, in risposta al leader dell’opposizione, il popolare Pablo Casado, che ha manifestato in Parlamento preoccupazione per il forte aumento dei contagi di Covid nel Paese iberico. “Per fortuna”, ha aggiunto Sánchez, “oggi abbiamo il 90% della popolazione vaccinato con ciclo completo”. Il dato che ha fornito corrisponde a quello degli over 12.

11.29 – Israele: “Nessun decesso per Omicron”
In Israele non si sono registrati decessi riconducibili alla variante Omicron del coronavirus. Lo ha precisato il ministero della Salute, come riporta Ynet, dopo le notizie diffuse ieri che parlavano della morte di un ultrasessantenne con patologie pregresse. L’uomo, secondo gli ultimi esami, era stato contagiato dalla variante Delta.
Ieri l’emittente pubblica Kan riferiva del decesso dell’uomo al Soroka Medical Center di Beersheba, precisando che aveva ricevuto due dosi di vaccino. Secondo i dati ufficiali diffusi ieri in Israele sono almeno 341 i casi confermati di Omicron.

11.06 – Draghi: “Tre quarti dei morti sono non vaccinati”
“L’arrivo della variante Omicron, che dicono più contagiosa ha aperto una nuova fase, domani ci sarà una cabina di regia per decidere il da farsi sulla base dei dati”. Così il premier Mario Draghi, nel corso della conferenza stampa di fine anno. Poco dopo ha aggiunto: “Per la normalità bisogna prendere tutte le precauzioni ma ogni decisione è guidata dai dati: solo dai dati, non dalla politica come si dice in giro”. E ha proseguito: “Tre quarti dei morti” di Covid “sono non vaccinati”.

10.36 – Giappone: “Confermati primi casi di Omicron”
Il Giappone ha confermato le prime trasmissioni locali della nuova variante Omicron del coronavirus a Osaka. Un segno che la variante si sta già facendo strada nel Paese. Si tratta di una famiglia di tre persone che secondo i funzionari non ha fatto viaggi all’estero. Non si è riusciti a risalire alla fonte del contagio. Nel Paese sono già stati individuati circa 80 casi di Omicron, ma tutti riguardavano persone risultate positive all’ingresso negli aeroporti.

10.16 – Palù, Aifa: “Terza dose anche per under 18”
“I dati ci indicano che Omicron si diffonde con maggior rapidità, non sappiamo il suo impatto clinico. Sappiamo però che due dosi di vaccino non sono sufficienti a indurre un titolo di anticorpale, tre dosi sì. Quindi il booster sarà necessario anche nella fascia di età degli under 18 per renderli resistenti all’infezione e soprattutto alla malattia”. Lo ha detto a Sky TG24 Giorgio Palù, il presidente dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa)

10 – Abrignani (Cts): “Omicron esplosiva, serve obbligo vaccinale”
“La variante Omicron è esplosiva. Se non mettiamo l’obbligo vaccinale ora, quando? E’ probabile che l’aumento di contagi in Italia sia già dovuto alla nuova variante. Sappiamo che avremo picchi di infezioni notevoli”. A mettere in guardia è l’immunologo Sergio Abrignani, componente del Cts, in collegamento con Agorà su Rai3. “Mi chiedo: se non consideriamo l’obbligo vaccinale per una malattia così devastante e pandemica, cosa dobbiamo aspettare? Se non mettiamo l’obbligo vaccinale in questo caso, quando dobbiamo metterlo?”, rimarca. “E’ probabile che l’aumento di contagi sia già dovuto alla variante Omicron. Non penso possa essere la variante Delta a fare tutto questo. Credo che dai prossimi rilievi si vedrà una presenza significativa di Omicron”, conclude Abrignani .

9.50 – Germania: oltre 45mila nuovi contagi nelle ultime 24 ore
Sono 45.659 i contagi da Coronavirus registrati nelle ultime 24 ore in Germania, a fronte dei 51.301 di una settimana fa. L’incidenza per 100mila casi su 7 giorni scende sotto i 300 (289 casi), contro i 306,4 di ieri, i 353 di una settimana fa e i 386,5 di un mese fa. I decessi da Covid-19 sono stati 510 contro i 453 di una settimana fa. I guariti da inizio pandemia sono 5.933.400, i contagi accertati 6.878.709

9.45 – Palù (Aifa): “Se possibile allungare le vacanze di Natale”
“Oggi l’incidenza del virus è soprattutto in età scolare, tutti i dati ce lo indicano, e c’è anche un’incidenza di malattia più severa. Allora, al quesito se dobbiamo allungare il periodo delle vacanze direi di sì se c’è la possibilità di recuperarlo successivamente”. La pensa così Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, ospite di Sky Tg24.

9.35 – Francia, entro fine mese 100 mila casi al giorno
In Francia la variante Omicron “diventerà maggioritaria tra Natale e la fine dell’anno”. Lo ha detto il ministro della Salute Olivier Veran, in un’intervista a BmfTv. Secondo Veran entro la fine del mese si potrebbero registrare oltre 100 mila contagi al giorno. Nel Paese ieri si sono registrati 73 mila nuovi casi: oggi il Comitato vaccinale francese darà il suo via libera la campagna vaccinale dei bambini tra i 5 e gli 11 anni, mentre per quanto riguarda gli adolescenti al momento il ministro ha escluso il richiamo.

9.30 – Palù (Aifa): “Oggi via libera a vaccino Novavax, arma potente”
In questa nuova ondata di Covid-19 il Paese avrebbe bisogno di “essere confortato”. “Abbiamo un nuovo vaccino, Novavax, che con tutta probabilità oggi verrà approvato dalla Cts dell’Aifa. È un’ulteriore arma potente, con un’efficacia di oltre l’89% per proteggere dal Covid sintomatico”. Lo ha detto Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, ospite di Sky Tg24.

9.25 – Basilicata unica regione con terapie intensive ancora vuote
La Basilicata è l’unica regione italiana senza pazienti covid in terapia intensiva. Sono invece 38 le persone ricoverate negli ospedali lucani (17 nell’ospedale San Carlo di Potenza e 21 nel Madonna delle Grazie di Matera). I posti covid occupati in area non critica rappresentano – secondo quanto riportato dal sito dell’Agenas – l’11% di quelli disponibili, quindi un dato comunque molto lontano dalla soglia d’allerta del 40%. Dal bollettino diffuso dalla task force ieri pomeriggio, è emerso anche che il numero dei lucani attualmente positivi è salito a 1.998.

9.20 – Palù (Aifa): “Dose booster necessaria anche per gli under 18”
“Il booster sarà necessario anche per gli under 18 per renderli resistenti all’infezione”. Lo ha detto Giorgio Palù, presidente dell’Agenzia italiana del farmaco Aifa, ospite di Sky Tg24, aggiungendo che le tempistiche per la terza dose ai più giovani non sono ancora certe.

9.00 – Bonaccini: “Ok linea rigore ma errore tampone vaccinati”
“Il Paese si è dato una strategia netta: estendere la campagna vaccinale a tappeto, con terze dosi, i bambini 5-11enni, le categorie professionali, per non dire ai tanti che stanno facendo la prima dose dopo mesi di dubbi. Chiedere adesso ai vaccinati di fare il tampone per entrare in cinema, teatri, ristoranti o stadi indebolisce proprio la campagna vaccinale nel momento in cui dobbiamo invece spingere ancora di più alle somministrazioni”. Così il presidente della Regione Emilia-Romagna Stefano Bonaccini al ‘Corriere della Sera‘.

8.50 – Battiston: “Il picco è ancora lontano, presto per effetto Omicron”
“Quando raggiungeremo il picco è la domanda delle domande. Le variabili sono così tante da rendere impossibile una proiezione seria”. Lo dice Roberto Battiston, professore di Fisica e direttore dell’Osservatorio epidemiologico sul Covid all’Università di Trento in un’intervista al Corriere della Sera. “Siamo ancora lontani dal picco e questo al netto della variante Omicron che è da vedere che impatto avrà qui”, afferma Battiston, “l’attuale ondata non risente ancora della nuova variante, è conseguenza di un tasso di contagio stabilmente sopra l’1,3 ormai da un paio di mesi, di oltre 6 milioni di persone non vaccinate e qualche evento di massa come le proteste a Trieste”. La fiammata di Omicron in Italia deve ancora arrivare? “Penso di sì, ma non è detto che le conseguenze saranno uguali a quelle del Regno Unito”, risponde Battiston, sottolineando poi che gli oltre

8.47 – Uk, 129 ricoveri e 14 morti per Omicron
Nel Regno Unito al momento sono 129 le persone ricoverate per la variante Omicron del Covid e sono 14 in totale i decessi. Lo ha reso noto la sottosegretaria alla Sanità, Gillian Keegan, intervistata da Sky News.

8.30 – Usa, Omicron dilaga. Biden: “Non è come nel 2020. Rischiano i non vaccinati”
Il presidente Usa ha fatto il punto sulla diffusione della variante e ha chiarito: “I vaccinati possono godersi le vacanze, gli altri si preoccupino. Tutti gli americani hanno il dovere patriottico di vaccinarsi”, ha aggiunto. Poi l’appello: la diffusione di notizie sbagliate “deve finire ora”.

8.15 – Israele verso la quarta dose e a over 60, personale medico e fragili
Israele potrà essere il primo Paese al mondo ad offrire una quarta dose di vaccino anti Covid agli over 60, al personale medico e persone a rischio. Il premier Naftali Bennett ha infatti accolto la raccomandazione arrivata da un panel di esperti sanitari ed ordinato alle autorità sanitarie di preparare una campagna per la distribuzione dei vaccini, si legge sul Times of Israel. Secondo la raccomandazione della commissione di esperti governativi, la quarta dose dovrà essere offerta almeno quattro mesi dopo la terza.

8.10 – Bianchi: “Green Pass per gli studenti? Ne discuteremo”
“Domani ne discuteremo in una cabina di regia con tutti i ministri, ma per quanto mi riguarda credo che il vero strumento per evitare ritorno in quarantena sia la vaccinazione”. Lo ha detto il Ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi in merito alla misura del green pass obbligatorio per gli studenti proposta da alcuni sindaci. “La proposta ha trovato una opposizione molto ampia da parte di vari ambiti dell’opinione pubblica – ha detto – ma un conto sono i ragazzi più grandi che sono già vaccinati all’85%, un conto sono i bambini”.

8.00 – Ministro Bianchi: “Sbagliato allungare le vacanze di Natale”
Allungare le vacanze di Natale per frenare il Covid-19 “è una misura sbagliata”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi a Unomattina. “La scuola è il comparto che con più passione ha risposto all’invito alla vaccinazione, il 96% del personale era già vaccinato prima dell’obbligo, i ragazzi più grandi sono vaccinati all’86%”, ha detto Bianchi, “i positivi dentro le scuole sono un numero limitato, allo 0,50%, le classi in quarantena sono 10mila su 400mila quindi il 2,5%, il problema è cosa succede fuori dalla scuola. E ancora una volta la risposta è la vaccinazione”.

7.49 – Scoperti 308 medici e sanitari no vax irregolarmente al lavoro
Su 6.600 persone controllate tra medici e personale sanitario, i carabinieri dei Nas hanno scoperto 308 figure professionali che svolgevano la propria attività sebbene inadempienti all’obbligo di vaccinazione per la prevenzione del Covid-19. Tra questi sono stati denunciati 135 tra medici, odontoiatri, farmacisti, infermieri e altre figure ritenute responsabili di esercizio abusivo della professione per aver proseguito lo svolgimento delle proprie attività nonostante fossero oggetto di provvedimenti di sospensione emessi da Autorità sanitarie e relativi Ordini. In tale contesto di verifiche sono state inoltre eseguite chiusure e sequestri di 6 studi medici e dentistici nonché di 2 farmacie, al cui interno svolgevano l’attività professionisti già sospesi. Nell’esecuzione di tali interventi sono stati sequestrati anche farmaci e dispositivi medici utilizzati nel corso di attività e pratiche mediche da parte di persone non aventi titolo alla loro detenzione ed impiego.

7.40 – Astrazeneca: “Stiamo lavorando a nuovo vaccino contro Omicron”
AstraZeneca ha annunciato di essere al lavoro con l’università di Oxford per produrre un vaccino specifico per la variante Omicron del Covid. Lo riporta il Guardian citando un comunicato dell’azienda. “Insieme all’Università di Oxford, abbiamo avviato le fasi preliminari per produzione di un vaccino per la variante Omicron, nel caso in cui sia necessario e seguiremo i dati che emergono”, si legge nella nota.

7.30 – Oms: “Con Omicron nuova ondata di contagi in Europa”
“Una nuova tempesta sta arrivando” in Europa con la variante Omicron del Covid che “entro poche settimane dominerà in più paesi della regione, spingendo i sistemi sanitari già sotto pressione sull’orlo del baratro”. Lo ha detto il direttore dell’Oms Europa Hans Kluge invitando tutti a fare la terza dose di vaccino. “Boost, boost, boost”, ha esortato sottolineando che “il booster è la difesa più importante contro Omicron”. L’invito si discosta dalla linea ufficiale dell’Oms i cui vertici più volte hanno ammonito i governi che la terza dose di vaccino è un lusso e sarebbe meglio cedere i vaccini in più ai Paesi in difficoltà.

7.00 – Lo studio, spray nasale eparina per prevenire contagio
Uno spray nasale comunemente usato come anticoagulante del sangue si sta dimostrando efficace nel prevenire la trasmissione del Covid-19, incluse le varianti emergenti e la stessa Omicron. Il farmaco è l’eparina e ricercatori delle università australiane di Melbourne e Monash, e di quella di Oxford, hanno avviato una sperimentazione di sei mesi in 340 nuclei familiari, dopo aver confermato i risultati di ricerche internazionali, che indicano come l’eparina possa bloccare la trasmissione del Covid-19 e prevenire il contagio.

6.47 – Tunisia, da oggi obbligo esibizione green pass
Da oggi in Tunisia è obbligatorio per i cittadini e residenti presentare un certificato vaccinale anti-Covid completo (green pass) per l’ingresso in uffici pubblici e privati e altri esercizi al coperto. Lo dispone un decreto presidenziale pensato per ridurre i contagi in un Paese che ha sofferto molto per la pandemia soprattutto l’estate scorsa, con migliaia di contagi e centinaia di morti al giorno.

6.40 – Stati Uniti, aspettativa di vita calata di 1,8 anni nel 2020
L’aspettativa di vita negli Stati Uniti è scesa di 1,8 anni nel 2020. È il calo più elevato registrato negli ultimi 75 anni, provocato in gran parte dalla pandemia. L’aspettativa di vita alla nascita era di 77,0 anni per la popolazione degli Stati Uniti l’anno scorso, in calo rispetto ai 78,8 anni del 2019, secondo quanto accertato dai Centers for Disease Control and Prevention (CDC). Tra gli uomini era di 74,2 anni, mentre per le donne era di 79,9 anni.

6.30 – Oms: ecco i dieci Paesi nel mondo che non hanno registrato casi ufficiali
Secondo i dati forniti dall’Organizzazione mondiale della Sanità, ci sono alcuni territori in cui non sono mai stati accertati contagi. Si va da Tuvalu, arcipelago polinesiano dell’oceano Pacifico, a territori britannici d’oltremare come le Isole Pitcairn e l’Isola di Sant’Elena. Nella lista anche la Corea del Nord, anche se l’Oms solleva dubbi sui numeri comunicati dal Paese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Gli italiani a caccia dei tamponi, tra il Natale e i casi nelle scuole: l’incidenza tra gli under 20 è la più alta, ma il ministero non diffonde i dati

next
Articolo Successivo

Agrigento, incendio in una casa del centro di Palma di Montechiaro: muore bambina di 2 anni e mezzo

next