Giornate di fuoco per le cripto-monete ed in particolare per il Bitcoin, che nel giro di poco più di una settimana è sceso sotto i 50 mila dollari, si è fermato a poca distanza dai 40 mila per poi risalire a ridosso dei 50 mila dollari. Perché questi numeri sono importanti? Perché secondo gli esperti di Wall Street costituiscono i punti di supporto e resistenza delle fluttuazioni dei prezzi corrispondenti ad una nuova fase, dove questi ultimi molto probabilmente si prenderanno una pausa: smetteranno di salire e forse scenderanno ancora.

I motivi: la voglia di rischiare è diminuita; la lenta ripresa dell’economia mondiale sullo sfondo degli squilibri tra domanda ed offerta di materie prime e prodotti fa presagire il perdurare dell’inflazione; la variante Omicron ha rilanciato i beni rifugio, oro e dollaro, e già il biglietto verde è ancora oggi il parcheggio preferito nei momenti di incertezza, come quello attuale. Una cosa è chiara: Bitcoin e crypto non appartengono a questa categoria.

Video sostituito in data 9/12/2021

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Irpef, la sottosegretaria Guerra: “La distribuzione dei risparmi mi preoccupa. Non vedo necessità di tagliare tasse ai redditi alti”

next