“Non scappiamo via frettolosamente dalle crude immagini dei piccoli corpi di bambini stesi inerti sulle spiagge. Il Mediterraneo, che per millenni ha unito popoli diversi e terre distanti, sta diventando un freddo cimitero senza lapidi“. Sono le parole di Papa Francesco che nel corso della sua visita in Grecia ha incontrato i migranti del Reception and Identification Centre di Mitilene, nell’isola greca di Lesbo. Isola che da molti anni ormai ospita migliaia di migranti, che spesso rimangono mesi e anni sull’isola in attesa dell’esame della propria richiesta d’asilo. “Questo grande bacino d’acqua, culla di tante civiltà, sembra ora uno specchio di morte – ha rilevato -. Non lasciamo che il ‘mare nostrum’ si tramuti in un desolante ‘mare mortuum’, che questo luogo di incontro diventi teatro di scontro. Non permettiamo che questo ‘mare dei ricordi’ si trasformi nel ‘mare della dimenticanza‘. Vi prego, fermiamo questo naufragio di civiltà”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, vaccino 0-5 anni. Nel primo semestre del 2022 la possibile immunizzazione dei più piccoli

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 15.021 nuovi positivi e 43 morti. Da lunedì oltre 100mila casi: +23% rispetto alla settimana precedente. E salgono i ricoverati

next