Per aver amputato a un paziente 82enne la gamba sbagliata una chirurga è stata condannata in Austria a 2.700 euro di multa. Il fatto era avvenuto nella clinica di Freistadt, in Alta Austria. Il tribunale di Linz nella sentenza evidenzia un comportamento “gravemente negligente” del medico.

La dottoressa 43enne ha ammesso di aver commesso un errore, ma ha negato la negligenza. Le gravi patologie riguardavano entrambe le gambe: il 18 maggio scorso doveva essere asportata quella sinistra, ma per sbaglio è stata amputata quella destra, senza che nessuno nella sala operatoria si accorgesse di nulla. Il paziente nel frattempo è deceduto. Il Tribunale non ha fatto valere la linea difensiva dell’errore sottolineando che per un intervento di tale importanza “serviva il doppio e il triplo controllo”, così la giudice. La vedova del paziente riceverà un risarcimento di 5.000 euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Austria, il partito popolare indica Karl Nehammer nuovo cancelliere. Schallenberg torna ministro degli Esteri

next
Articolo Successivo

Covid, Belgio chiude le scuole una settimana prima. Cresce incidenza in Germania. Svizzera abolisce quarantena per “salvare” lo sci

next