Tre anni di prigione, meno i nove mesi già scontati: è la pena inflitta negli Usa a Emma Coronel Aispuro, la moglie del re del narcotraffico ‘El Chapo’, per traffico di droga e riciclaggio. Una condanna inferiore ai quattro anni chiesti dall’accusa. Il giudice federale Rudolph Contreras ha riconosciuto che la 32enne, dichiaratasi colpevole dopo il suo arresto lo scorso febbraio, era solo una teenager quando sposò il boss.

“Esprimo il mio rammarico per tutto il male che posso aver fatto”, ha detto la donna prima della lettura della sentenza. “Soffro per il dolore che ho causato alla mia famiglia”, ha aggiunto. La moglie del ‘Chapo’ ha patteggiato anche un accordo per la restituzione di 1,5 milioni di dollari. La stessa accusa ha ammesso che il suo vero ruolo nelle attività del marito “era minimo”. “Non era una leader, una organizzatrice, un boss ma piuttosto un ingranaggio nella grandissima ruota di una organizzazione criminale”, ha riconosciuto il procuratore Anthony Nardozzi, ricordando però che la donna aiutò il boss a evadere dal carcere nel 2015. “L’imputata tuttavia ha scelto di assumersi la responsabilità delle proprie azioni” dopo l’arresto, ha sottolineato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa, sparatoria in un liceo in Michigan: almeno 4 morti e 7 feriti. Fermato un 15enne

next
Articolo Successivo

Giornata mondiale contro l’Aids, la pandemia di Covid ha frenato la lotta all’Hiv: nel 2020 un bambino morto ogni cinque minuti

next