Un quadro allarmante. Così le stesse relatrici del convegno che si è tenuto mercoledì pomeriggio a Palazzo Madama, “Donne uccise dagli uomini: i numeri di una strage. Dove sbagliamo?”, definiscono quello che emerge da un’indagine stilata dalla Commissione parlamentare di inchiesta del Senato sul femminicidio, in occasione della Giornata contro la violenza sulle donne. Secondo i dati della relazione infatti, solo il 15% delle donne che subisce violenza denuncia, mentre il 65% sceglie di non parlarne nemmeno con i familiari o con le amiche.

“Questo accade – spiega Valeria Valente parlando con ilfattoquotidiano.it, presidente della Commissione di inchiesta del Senato – perché le donne temono di non essere credute e di essere ritenute in parte responsabili dai parenti o dagli amici, ma anche dalle istituzioni, dalle forze dell’ordine e persino dai Tribunali”.

In Italia, la normativa in materia è ritenuta tra le migliori d’Europa ed infatti secondo la magistrata Paola Di Nicola Travaglini il problema non è l’assenza di leggi: ”L’impianto legislativo è sufficiente, ma non viene adeguatamente applicato. Non tutta la magistratura, – continua – l’avvocatura, i periti, i consulenti tecnici e le forze dell’ordine hanno una formazione specifica sulla violenza nei confronti delle donne.”

Al convegno organizzato in Senato erano presenti anche la ministra per le Pari Opportunità Elena Bonetti, la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese e la ministra della Giustizia Marta Cartabia.

La fondazione del Fatto quotidiano, insieme alla onlus Trama di Terre finanzia borse di autonomia per sostenere donne sopravvissute alla violenza. Visita il sito è scopri come aiutarci: clicca qui

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Violenza sulle donne, la mia proposta di legge parte dall’educazione nelle scuole

next