Da oggi, 15 novembre, sarà obbligatorio montare pneumatici invernali o, in alternativa, tenere a bordo della propria auto catene da neve. Questo, ovviamente, dove l’Ente che possiede o gestisce la strada lo preveda, come indica la direttiva del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 gennaio 2013.

Una direttiva che, giova ricordarlo, viene applicata tra il 15 novembre ed il 15 aprile su territorio nazionale, al di fuori dei centri abitati. Un arco temporale che può anche subire variazioni, a seconda della specificità di alcune zone o tratti stradali: ad esempio un’estensione, come nel caso di strade di montagna.

Ma come si riconoscono i pneumatici invernali? Visivamente da un sistema di lamelle presenti sul battistrada, che servono a drenare meglio acqua e neve garantendo una migliore tenuta al suolo. E’ importante tuttavia che sul fianco ci sia la scritta “M+S” (“Mud+Snow”, ovvero fango + neve in inglese), o anche “M.S” o “M&S”, più un eventuale pittogramma alpino. Quest’ultimo altro non è che il disegno di una montagna a tre picchi con un fiocco di neve all’interno: un simbolo che garantisce il superamento di test specifici sulla neve per ottenere l’omologazione.

C’è anche la possibilità di una deroga, ovvero si possono montare gomme invernali anche a partire dal 15 ottobre e tenerle fino al 15 maggio, ma solo nel caso di mezzi equipaggiati con pneumatici aventi codice di velocità inferiore a quello previsto sulla carta di circolazione, che in ogni caso non deve essere inferiore a 160 km/h (Q). Nel qual caso dev’essere presente e ben in vista nell’abitacolo un targhetta che indichi la velocità massima consentita con tali pneumatici.

Il codice di velocità è importante anche ai fini della chiarezza sulle varie diciture di pneumatici: “All season”, “4 stagioni”, “multipurpose” e affini sono sempicemente definizioni date dai costruttori ai propri prodotti. Secondo la legge invece, solo quelli con marcatura M+S permettono di circolare durante il periodo invernale e in caso di ordinanze. Dunque, per poter essere utilizzati per tutto l’anno devono avere un codice di velocità uguale o superiore a quello indicato in carta di circolazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cop26, la maggior parte dei costruttori non sigla l’accordo sullo stop alle auto termiche nel 2040. Pure l’Italia dice no

next
Articolo Successivo

McLaren pronta a passare sotto il controllo di Audi? La casa inglese nega

next