Mattoni spaccati con la sola forza dell’avambraccio. Pezzi di marmo appoggiati sui pettorali e fracassati a martellate. E ancora catene spezzate con la potenza dei muscoli. È la “prova di forza” andata in scena davanti a Kim Jong-un lunedì a Pyongang e trasmessa sulla Tv di Stato della Corea del Nord. Nello stesso giorno il leader ha promesso di costruire un esercito “invincibile” per far fronte a quella che ha definito come una persistente ostilità degli Stati Uniti.

Kim, durante un discorso, ha precisato che “gli Stati Uniti hanno spesso detto che non sono ostili al nostro stato, ma non ci sono prove basate sull’azione per farci credere che non lo siano”. Gli Usa, ha aggiunto, “continuano a creare tensioni nella regione con giudizi e azioni sbagliate” e sono una “fonte” di instabilità nella penisola coreana.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, da novembre gli Stati Uniti riaprono ai vaccinati le frontiere con Europa, Messico e Canada

next
Articolo Successivo

Texas, bloccata la condanna a morte di un imputato ebreo: “Il giudice che ha emesso la sentenza è antisemita”

next