Peculato, concussione, corruzione e istigazione al falso. Sono questi i reati contestati a vario titolo agli indagati nell’ambito di una inchiesta della procura di Pistoia. Secondo quanto riporta La Repubblica sono diciotto le persone colpite da misura cautelare disposta dal giudice per le indagini preliminari. L’operazione “Coffee break” è stata condotta dalla polizia di Pistoia.

L’indagine ha interessato i comuni della Valdinievole, tra cui Pescia. Gli agenti della Squadra mobile hanno eseguito sette misure cautelari in carcere, mentre gli altri sono tutti ai domiciliari con braccialetto elettronico oppure obbligo di dimora. Nel corso dell’operazione è stato eseguito il sequestro preventivo ai fini della confisca di beni a carico degli indagati sottoposti a misura cautelare. Gli investigatori della polizia hanno eseguito anche diverse perquisizioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Corteo No green pass Milano, processo per direttissima: convalidati 4 arresti. Un manifestante in carcere, altri tre ai domiciliari

next
Articolo Successivo

Milano, il virologo Massimo Galli e altri 32 indagati: “Associazione a delinquere per il sistematico condizionamento dei concorsi”

next