Colpo di Stato fallito in Sudan. A darne notizia sono stati i media statali raccontando di un tentativo, poi sventato nella notte dalle autorità locali, di occupare le loro sedi con la forza da parte di un gruppo vicino all’ex regime di Omar al-Bashir, rovesciato due anni fa. Si tratterebbe in particolare di “ufficiali a bordo di mezzi blindati arrivati dalle regioni di Wadi Sidna e Omdurman”. L’emittente televisiva Al Arabiya sostiene che i presunti leader golpisti siano già stati arrestati mentre altre fonti locali parlano di dispiegamenti di forze militari in alcune aree della capitale Karthoum. Secondo l’agenzia di stampa turca Anadolu, sono 40 i membri dell’esercito ribelli che sono finiti in manette, come riferito da una fonte militare.

“C’è stato un tentativo di colpo di stato fallito, la gente dovrebbe affrontarlo”, hanno riferito tv e radio di Stato che hanno interrotto la consueta programmazione e trasmesso canti patriottici mentre il tentato golpe era ancora in corso. Un membro del Consiglio sovrano, Mohammed El Faky Suleiman, in un post su Facebook ha esortato i sudanesi a “alzarsi e difendere il proprio Paese e la transizione”. Lo stesso Suleiman, in un post su Facebook citato da al-Jazeera, ha comunque tranquillizzato la popolazione spiegando che adesso “è tutto sotto controllo”. Secondo Asharq News, riporta ancora la tv satellitare, c’è stato un “tentativo di prendere il controllo della sede della radio e della televisione” di Stato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Ci trattano come cani”: i migranti dal Messico attraversano il Rio Grande per raggiungere gli Stati Uniti – Video

next
Articolo Successivo

Aukus, lo sgarbo Usa agli alleati in nome della guerra anti-cinese. Col rischio di compromettere relazioni storiche

next