Un piano in sei punti per contrastare l’evolversi della variante Delta negli Usa. È quello che il presidente Joe Biden illustrerà nel pomeriggio (la sera in Italia) e che già promette di creare ampio dibattito. Per un motivo molto semplice: secondo quanto anticipato dai media statunitensi, uno dei cardini del progetto è rappresentato dall’obbligatorietà del vaccino per tutti i dipendenti federali, senza l’alternativa di sottoporsi regolarmente al tampone. Oltre a questo, a sentire le anticipazioni della stampa Usa, ci sarà anche l’appello al mondo privato per vaccinare tutti i dipendenti, a cui si aggiunge l’impegno a mantenere aperte le scuole con l’obbligo della mascherina e ad aumentare i test. Tra gli altri obiettivi anche l’avvio della terza dose, il cosiddetto ‘booster‘. La firma di Biden sul protocollo anti Covid è arrivata per frenare l’aumento della variante Delta, che sta uccidendo migliaia di persone ogni settimana e sta mettendo a rischio la ripresa economica della nazione. In particolare, il dipartimento del Lavoro richiederà a breve alle aziende con oltre 100 dipendenti che questi siano vaccinati contro il Covid o che facciano almeno un tampone a settimana. Lo rendono noto fonti dell’amministrazione al Wall Street Journal. Gli annunci sui nuovi requisiti legati al vaccino interessano fino a 100 milioni di grandi aziende e strutture sanitarie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Afghanistan, l’annuncio dell’esponente dei talebani: “Alle donne non serve lo sport. Niente cricket, sarebbero troppo visibili” – Video

next
Articolo Successivo

L’Egitto e la guerra al terrorismo interno. Il rapporto di Human Rights Watch: “Esecuzioni sommarie, morti dopo l’arresto, atti falsificati”

next