Un uomo è stato ucciso durante una sparatoria avvenuta intorno alle 17 in un cortile di Milano sud, in via Ovada. Secondo una prima ricostruzione dei fatti un 72enne italiano ha sparato diversi colpi d’arma da fuoco nei confronti di un uomo di 34 anni, rimasto ferito gravemente e morto all’ospedale San Paolo dove era stato sottoposto a intervento chirurgico. Il 72enne è stato ritrovato a terra con una ferita alla testa: dopo essere stato medicato, è stato accompagnato all’ospedale Humanitas di Rozzano in codice giallo. Sul posto sono arrivati i carabinieri del nucleo radiomobile che hanno rinvenuto alcuni bossoli ed un caricatore.

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, il 34enne, un pluripregiudicato, stava facendo una grigliata con amici nel cortile del condominio in via Ovada quando il 72enne è uscito sul balcone lamentandosi dei rumori e del fumo. Poco dopo è comparso in cortile con una pistola regolarmente denunciata e ha preteso che andassero via. Non ottenendo il risultato ha esploso due colpi in aria e a quel punto sarebbe stato colpito dal 34enne o da qualcuno degli amici. Nella colluttazione il 72enne ha esploso i colpi contro il vicino, centrandolo al petto. La vittima, morta in ospedale, a giugno aveva picchiato un marocchino all’interno di un bar provocandogli una prognosi di 40 giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati: 6.503 nuovi casi e 69 morti nelle ultime 24 ore. Positività al 2,1%. In leggero calo ricoveri ordinari e le intensive

next
Articolo Successivo

Federico Lugato, la moglie dell’alpinista scomparso sulle Dolomiti non si arrende: l’appello su Facebook per continuare a cercare

next