Sono 6.503 i positivi ai test Covid individuati nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati 5.498. Sono invece 69 le vittime in un solo giorno, in calo rispetto alle 75 di ieri. I tamponi processati, tra molecolari e antigenici, sono 303.717, leggermente meno rispetto a martedì, che ne erano stati eseguiti 307.643. Di conseguenza il tasso di positività passa dall’1,8% di ieri al 2,1%. Per quanto riguarda la pressione sugli ospedali sono 540 i pazienti ricoverati in terapia intensiva per il Covid, quattro in meno rispetto a martedì nel saldo tra entrate e uscite. Gli ingressi giornalieri risultano essere 40. I ricoverati con sintomi covid nei reparti ordinari, invece, sono 4.231 (ieri 4.252), 21 in meno.

Nella distribuzione geografica del virus SarsCov2 il maggior incremento di nuovi casi in 24 ore si registra ancora in Sicilia (+1.155), seguita da Veneto (+691) e Lombardia (+681). In ordine decrescente ci sono poi Toscana (+538), Campania (+491), Sardegna (+389), Emilia Romagna (+383), Lazio (+350), Calabria (+339), Puglia (+298), Piemonte (+259), Marche (+169), Friuli Venezia Giulia (+141), Liguria (+137), Umbria (+134) e Abruzzo (+110). Tutte le altre regioni registrano un incremento giornaliero inferiore alle 100 unità. Nello specifico: Provincia autonoma di Bolzano (+90), Basilicata (+79), Provincia autonoma di Trento (+32), Molise (+27) e Valle d’Aosta (+3). Nessuna regione risulta essere covid free.

Paragonando i dati dell’ultimo giorno con quelli di mercoledì scorso si evidenzia come nonostante sia leggermente inferiore il dato relativo ai nuovi casi (6.503 vs 7.548) – a fronte di un numero maggiore di test processati (303.717 vs 244.420) e ai ricoveri nei reparti ordinari ( -21 vs -13) – si registra ugualmente un incremento nei decessi (69 vs 59) e degli ingressi in terapia intensiva (40 vs 34). Un andamento che viene confermato anche nell’analisi dei primi tre giorni della settimana paragonati a quelli della settimana precedente. Infatti, da lunedì a mercoledì, con un numero di tamponi processati maggiore rispetto alla settimana precedente (721.163 vs 612.007) i nuovi positivi risultano essere quantitativamente inferiori (16.258 vs 17.792). In decremento anche i ricoveri (+98 vs +256), mentre in aumento si registrano sia gli ingressi in terapia intensiva (139 vs 125) che i decessi ( 197 vs 163). Ciò significa che sebbene il virus continui a diffondersi la sua corsa sta rallentando facendo registrare un incremento lento ma progressivo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Federico Barakat, a più di dodici anni dalla morte ancora non ci sono responsabili

next
Articolo Successivo

Milano, lite tra vicini di casa per una grigliata: 72enne spara e uccide un uomo di 34 anni

next