Laura Ziliani forse è stata avvelenata con una tisana. Spunta anche questa pista sul caso dell’avvocatessa trovata morta nel Bresciano, come si legge sui media locali. Le forze dell’ordine di Breno stanno svolgendo alcuni interrogatori per fare chiarezza: la donna, secondo le ricostruzioni, un mese e mezzo prima della scomparsa ha bevuto un infuso che le ha provocato un sonno profondo per 36 ore. Lo aveva dichiarato lei stessa, si legge sul quotidiano locale. Sono state avviate alcune verifiche nella Rsa di Ponte di Legno. Qui lavorava una delle tre figlie, la maggiore, come fisioterapista. Stando a quanto riporta Il Giorno, il 7 maggio è stato il suo ultimo giorno e poche ore dopo Ziliani è scomparsa nel nulla. Sul caso, per il momento, ci sono tre iscritti nel registro degli indagati: la figlia maggiore, la minore e il fidanzato della più grande.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Caserta, 18enne muore accoltellato in una rissa davanti ai locali della movida. Fermato un 19enne incensurato

next