I militari spagnoli impegnati all’aeroporto di Kabul stanno lavorando per poter evacuare persone che si trovano nei dintorni dello scalo afghano e cercano protezione nel Paese iberico. “Nelle ultime ore è emersa una possibilità e ci si sta lavorando”, ha detto ai media locali la ministra della Difesa, Margarita Robles dal centro di coordinamento militare delle evacuazioni dall’Afghanistan, vicino a Madrid. Parole confermate dal capo dello Stato Maggiore della Difesa, l’ammiraglio Teodoro López Calderón: “C’è una possibilità di uscire all’esterno e si farà, si sta facendo. Nei dintorni dell’aeroporto sembra che si possa fare, ma non al di fuori di Kabul”. Entrambi hanno preferito non fornire ulteriori dettagli per motivi di sicurezza. Un video rilasciato dal Ministero della Difesa ai media iberici mostra militari spagnoli nell’aeroporto di Kabul impegnati nel far entrare dall’esterno persone in cerca della loro protezione, alcune delle quali con fazzoletti rossi in mano per rendersi riconoscibili, in un clima di forte tensione. “Entra, entra”, e “Spagna, Spagna”, si sente gridare, mentre i soldati fanno ampi gesti per dirigere gli afghani che tentano la fuga verso un’area più sicura. Nelle immagini si vedono anche alcuni bambini. Nonostante gli sforzi, ha detto la ministra della Difesa, ci saranno alcune persone “che rimarranno là” a causa della “situazione veramente drammatica” che si vive a Kabul e delle difficoltà per riuscire ad arrivare all’aeroporto e fuggire dal Paese.”I talebani stanno diventando sempre più aggressivi”, ha aggiunto Robles, “c’è una situazione di violenza molto evidente”. Inoltre, ha aggiunto, molti collaboratori del Paese iberico risiedono in altre zone dell’Afghanistan, motivo per il quale per loro raggiungere Kabul è particolarmente complicato. “Stiamo facendo il possibile”, ha aggiunto Robles, ma “ci sarà gente che rimarrà laggiù per motivi che non dipendono da noi”. Delle 827 persone evacuate dall’Afghanistan e arrivate in Spagna, oltre 300 (il 40%) sono minorenni. Nelle prossime ore sono attese altre 420 persone

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Zelanda in lockdown dopo un solo positivo al Covid: servirà ad accelerare la campagna vaccinale?

next
Articolo Successivo

Afghanistan e il gran ballo delle false narrative

next