I talebani sono entrati a Jalalabad, l’ultima grande città dell’Afghanistan, oltre alla capitale Kabul, non ancora nelle loro mani. Come rivendicato dagli stessi insorti, e come conferma una fonte all’Afp, i talebani sono entrati domenica mattina, senza combattere. Nei video, pubblicati dall’account ufficiale di un portavoce, Mohammad Naeem Wardak, si vede l’ingresso dei “Mujahideen”, letteralmente i combattenti impegnati nel jihād, prima nella provincia di Nangarhar e poi nella stessa Jalalabad.

Oltre a Kabul, restano sotto il controllo del governo una manciata di città minori, sparse e lontano dalla capitale, e senza grande valore strategico. In soli dieci giorni i talebani hanno preso il controllo della maggior parte del Paese raggiungendo le porte di Kabul, ora completamente circondata.

“Il popolo glorioso ha accolto i Mujaheddin – si legge nella didascalia dei video – La gente di Jalalabad è stata invitata ad accoglierli e loro sono entrati”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

I talebani sono a Kabul, è la resa dell’Occidente: il presidente in fuga, “sarà proclamato l’Emirato Islamico”. Esplosioni nella capitale, evacuazioni Usa e Ue

next
Articolo Successivo

Terremoto Haiti, almeno 724 morti: si scava tra le macerie alla ricerca di sopravvissuti. L’Unicef mette a disposizione le sue scorte

next