A tre anni dalla strage del ponte Morandi i parenti delle vittime hanno partecipato alle commemorazioni organizzate a Genova: “Non possiamo dimenticare quello che è successo – ha raccontato Barbara Bianco del Comitato dei parenti delle vittime, che il 14 agosto 2018 perse il suo compagno Andrea Cerulli – eppure ci sembra che in alto qualcuno se ne dimentichi troppo spesso“. Il riferimento è alle trattative con Autostrade che hanno suscitato perplessità nel comitato ma anche alla Riforma della giustizia votata poche settimane fa alla Camera (e a settembre attesa al Senato). “Domani incontreremo la ministra Cartabia e le chiederemo rassicurazioni in merito al rischio prescrizione, chi ha responsabilità per il crollo deve pagare e non possiamo permettere che non venga fatta piena giustizia”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mario Balotelli, archiviate le accuse di violenza sessuale: era stato denunciato da una ragazza vicentina

next
Articolo Successivo

Ponte Morandi, tre anni dopo. I familiari delle vittime: “Ancora pochi i segnali tangibili di giustizia”. Draghi: “A Genova lo Stato ha tradito la fiducia dei cittadini”

next