“È una rivoluzione copernicana nell’esercizio dei diritti politici di tutti i cittadini”. Sono le parole del segretario di Democrazia radicale, Mario Staderini, in collegamento poco prima del lancio della piattaforma che permette di firmare, in maniera digitale, i referendum e le leggi di iniziativa popolare. “Con il procedimento digitale si superano gli ostacoli legati alle raccolte firme che consentivano solo ai grandi partiti e ai sindacati di poterle fare. La democrazia esiste quando i diritti politici sono esercitati da tutti in maniera uguale. D’ora in poi – ha aggiunto – quando il Parlamento farà una brutta legge dovrà avere paura del fatto che i cittadini avranno subito la possibilità di presentare un referendum. In questo modo, i cittadini possono inserire nell’agenda politica temi e argomenti che altrimenti sarebbero cancellati dai partiti, come è successo con l’eutanasia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Eutanasia, Speranza: “Urgente un intervento legislativo. Ma nell’attesa le Asl garantiscano il suicidio assistito”

next