Il Paese scivola nella “dittatura sanitaria” da green pass, ma la Lega che questo sostiene porta ben altre emergenze. Chiede speciali poteri per “Area Expo”, l’eredità dimenticata dell’esposizione milanese del 2015. E vai a capire la logica per cui oggi, con 130mila contagi in 30 giorni, è per l’Italia motivo d’urgenza. Sarà la stessa per cui si chiedono fondi per tutelare i procioni ristorando, con soldi pubblici, gli allevatori. Al pari di conclamare il “legittimo impedimento” se l’udienza salta causa Covid, di riconoscere sconti fiscali per chi va al cinema e indennizzi straordinari per la magistratura onoraria in servizio. Insomma, c’è di tutto e di più tra gli emendamenti all’ultimo decreto Covid-19.

Almeno nel titolo doveva limitarsi alle “misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica e per l’esercizio in sicurezza di attività economiche e sociali”. Invece, puntuale, è partita nelle commissioni la corsa agli emendamenti: sono già 1300 quelli presentati a Montecitorio in vista della conversione. A niente, dunque, è valso il richiamo del capo dello Stato che il 23 luglio scorso, al momento della promulgazione della legge di conversione del “sostegni bis”, aveva chiesto a Parlamento e Governo di rispettare i contenuti del decreto d’urgenza senza zavorrarlo nei testi, nei tempi e negli oneri con le richieste più strampalate ed eterogenee. Il Sole 24 ore ha raccontato alcune incursioni bizzarre, ma c’è molto di più.

Spulciando la montagna di modifiche si capisce quanto a fondo sia stato colto il messaggio di Mattarella. Il timbro della Lega torna con la consueta prospettiva: per limitare la diffusione del virus chiede di sospendere attracchi di navi e permessi di soggiorno, e pazienza se intanto strizza l’occhio ai NoVax. Del resto Forza Italia (e non solo) si premura di mettere nero su bianco che il distanziamento sociale e i dispositivi di protezione individuale non siano più obbligatori per le persone dotate di green pass che hanno completato il ciclo di vaccinazione. Claudio Borghi, sempre per sostenere l’attività di contrasto alla diffusione del virus, torna alla carica sulla responsabilità colposa dei medici che somministrano il vaccino.

L’emergenza è nazionale, ma pullulano i localismi. C’è ad esempio un manipolo di deputati calabresi che torna a chiedere 20 milioni di euro per rimpinguare le casse della sanità regionale, e pazienza se non è proprio urgente: è commissariata, senza risultati apprezzabili, ormai da 12 anni. Dall’altra parte dello stivale i sudtirolesi come Plangger Albrecht si premurano di chiedere che tutte le misure del decreto siano applicabili alle province di Trento e Bolzano solo se “compatibili coi rispettivi statuti”.

Ogni settore ha il suo sacco da riempiere. C’è chi chiede di finanziare con 1 miliardo le attività, società e associazioni sportive penalizzate dal Covid. Chi chiede detrazioni per il “consumo culturale individuale”, qualunque cosa significhi: libri, manifesti, audiovideo e quant’altro. Qualcuno si preoccupa delle “farmacie rurali” e chiede 50 milioni. Alcuni onorevoli chiedono di aumentare le indennità ai giudici di pace fino a 66mila euro l’anno. La Brambilla vuole vietare cattura, allevamento e uccisione degli animali da pelliccia, poi chiede indennizzi per chi chiude l’attività, senza dire che fine faranno le amate bestiole.

Il decreto è legge, la legge è uguale per tutti. Così, dentro al sacco degli emendamenti finiscono anche anche le beghe di chi le fa. Dal Pd, ad esempio, chiede di vietare l’accesso alle due Camere ai soggetti non muniti di certificato verde Covid-19. Basterebbe il regolamento interno, ma visto che quanto viene imposto per legge al bar in aula non vale, meglio usare la legge per disciplinare l’ingresso nel Palazzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Comunali, il sondaggio: sfide aperte in quasi tutte le città. A Roma Michetti al ballottaggio, a Milano Sala è avanti (di poco) su Bernardo

next
Articolo Successivo

Vaticano, il messaggio post-pandemia di Papa Francesco chiama il governo Draghi a misurarsi su tre punti

next