Aveva preferito potersi curare a casa e non in ospedale. Un uomo di 48 anni è morto ieri nell’ospedale di Copertino (Lecce) a causa di un arresto cardiaco indotto da una grave forma di broncopolmonite da Covid. Si tratta di un commerciante ambulante senegalese che lo scorso 2 agosto, risultando positivo al Covid, era stato ricoverato. L’uomo, però, aveva poi rifiutato le cure ospedaliere preferendo seguire le indicazioni terapeutiche a casa, un casolare di campagna a Monteroni dove avrebbe dovuto trascorrere in isolamento la quarantena.

Nel giro di pochi giorni le sue condizioni si sono aggravate tanto da dover essere nuovamente portato in ospedale dove è morto nonostante i tentativi dei sanitari di salvarlo. Il dipartimento di prevenzione dell’Asl Lecce ha posto in quarantena la compagna e i figli dell’uomo, attivando il tracciamento dei contatti avuti dall’ambulante negli ultimi giorni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Green pass, in Alto Adige la prima sanzione per mancato controllo sui clienti: multato il titolare di un locale della Val Badia

next
Articolo Successivo

Parma, la lupa gioca nella pozza d’acqua sull’Appennino: le immagini catturate dalla videotrappola

next