Design, configurazione meccanica e pedigree da mondiale rally sono gli elementi che rendono la Renault 5 Turbo un’icona automobilistica degli anni Ottanta. La stessa che ora riceve nuova linfa vitale grazie alla francese Legende Automobiles, che ha concepito un restomod – cioè un’operazione di restauro e contestuale aggiornamento della componentistica – che ottimizza tutti gli aspetti del progetto originale.

Ne scaturisce la Legende Turbo 3: la configurazione tecnica rimane la stessa, fatta di motore centrale (disposto dietro ai sedili anteriori e davanti l’asse posteriore) e trazione posteriore, ma tutto il resto viene implementato alla luce della tecnologia più moderna. La carrozzeria è completamente realizzata con la fibra di carbonio per ridurne al minimo il peso, mentre il powertrain si compone di un’unità termica turbo da oltre 400 CV di potenza, trasmessi al retrotreno tramite un cambio sequenziale a sei marce.

Il design non si discosta da quello della Renault 5 Turbo, ma appare più muscoloso e moderno per via dei parafanghi extralarge e dei gruppi ottici a led. In coda, invece, spiccano i due terminali di scarico affogati nel diffusore aerodinamico. Cresce pure la dimensione dei cerchi di lega, che arrivano a 17 pollici, verosimilmente per ospitare i dischi maggiorati di un impianto frenante ad alte prestazioni di ultima generazione.

All’interno, invece, l’architettura della plancia – foderata di tessuto tecnico – è conservata, anche se la strumentazione analogica lascia il posto a un pannello digitale. Inediti pure il volante, le bocchette dell’aria e i comandi del climatizzatore. Irrinunciabili, infine, i sedili sportivi con poggiatesta integrato e le cinture a 6 punti di ancoraggio. Al momento Legende Automobiles non ha specificato né prezzi né tiratura del veicolo. Ma, visto il genere, il listino sarà certamente ad appannaggio dei collezionisti più facoltosi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Alfa Romeo, nel 2024 il primo modello 100% elettrico

next