“Il caso Tabacci-Leonardo, con l’assunzione da parte della multinazionale della difesa italiana del figlio di Bruno Tabacci, mette ancor più in evidenza la necessità di normare i conflitti di interessi in Italia”. È la posizione di The Good Lobby, l’organizzazione non governativa con sede a Bruxelles impegnata contro corruzione, clientelismi e disuguaglianze.

Simone Tabacci, appena entrato in Leonardo, sembra sia destinato a occuparsi di materie di competenza del padre, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla programmazione economica e alle politiche per lo spazio, notoriamente una delle aree di interesse di Leonardo. L’attuale frammentaria normativa in materia di conflitti di interessi non vincolerebbe in alcun modo Tabacci senior dal dichiarare le possibili sovrapposizioni tra il suo lavoro (e quindi gli interessi dello Stato) e quello del figlio (e quindi gli interessi di Leonardo). Né lo vincolerebbe ad astenersi da materie che possano in qualche modo facilitare la multinazionale della difesa”, denuncia Federico Anghelé, direttore di The Good Lobby.

“Questo ennesimo caso che riguarda Leonardo (dopo quelli di Minniti e di Rubei, ex portavoce di Di Maio) dimostra l’eccessiva contiguità del gruppo industriale alla politica e alle istituzioni, che una legge efficace sul conflitto di interessi contribuirebbe quantomeno a regolamentare”, conclude.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rcs, dopo l’uscita di Miccichè dal cda Cairo adesso è alle strette. Con Blackstone accordo possibile, ma con condizioni sulla gestione

next
Articolo Successivo

Oxfam: “Vaccini Pfizer e Moderna venduti a prezzi fino a 24 volte il costo. Anche se hanno avuto 8 miliardi di finanziamenti pubblici”

next