“Un candidato sindaco che va in giro armato non mi sembra un dettaglio insignificante. Aggiungerei: il candidato sindaco di una città di 1,4 milioni di abitanti. Io credo che Bernardo abbia il diritto e il dovere di chiarire”. Sono accuse pesanti quelle che Michele Usuelli neonatologo e consigliere regionale lombardo di + Europa – Radicali ha mosso a Luca Bernardo, primario di pediatria all’ospedale Fatebenefratelli ed esperto di bullismo in corsa per la poltrona di primo cittadino di Milano per il centrodestra, dalle colonne di Repubblica.

Accuse che però l’interessato ha respinto al mittente e ha annunciato che procederà con una querela per diffamazione. Anche se Bernardo, nel giro di poche ore, sulla questione ha dato due versioni diverse. “Ho il porto d’armi da 10 anni come tutti i medici”, ha dichiarato. E se in un primo momento, interpellato dall’Adnkronos ha smentito di essere “mai entrato in corsia con un’arma” e di averla “mai portata addosso”, intervenendo a margine di un evento a Milano, ha precisato: “La pistola non l’ho mai portata in corsia in mezzo ai bambini. Sono sicuro al 100%. Se qualcuno mi ha visto vada in procura con le fotografie. Io sono entrato con l’arma in ospedale, l’ho avuta addosso, ma mai in corsia e mai quando giro o sono dentro con i pazienti. Ci mancherebbe altro. Significa che se la notte rimango in ospedale, visto che sono stato minacciato, mi è capitato di portarla, ma mai in corsia ne mai succederà. La tengo addosso, rimango nel mio studio e non visito”. L’ultima volta che ha portato la pistola in ospedale, risale a “diversi mesi fa”, ha detto. “Sinceramente non ricordo, non è la mia compagna di vita, la mia compagna di vita è mia moglie. Attualmente è in cassaforte da tanto tempo, anche perché al momento non ho necessità di portarla. L’arma è in cassaforte e lì rimane”. Il porto d’armi, ha ribadito Bernardo, “l’ho fatto perché, come alcuni altri medici, ho avuto problemi con alcuni pazienti che a volte possono essere instabili e alcuni miei colleghi sono stati uccisi da pazienti. Per fortuna io sono qui vivo, vegeto e candidato al Comune”.

A sollevare il caso è stato appunto il consigliere regionale di +Europa. “Gira con la pistola. Anche in ospedale, anche in reparto”, ha dichiarato a Repubblica. Aggiungendo che “non è un pettegolezzo: è una cosa nota nel mondo della pediatria milanese. Quando un primario entra in reparto ha addosso gli occhi di tutti”. Usuelli ha quindi chiesto spiegazioni e rassicurazioni a Bernardo, con il quale ha ricordato di aver lavorato insieme in gioventù: “È il più giovane primario che abbia mai conosciuto. Quando diventi primario così giovane i casi sono due: o sei un genio o hai costruito rapporti che ti hanno aiutato. Di Bernardo conosco pregi e limiti”. Quindi ne ha sottolineato a la capacità di tessere relazioni che lo avrebbero aiutato con i finanziamenti per l’ammodernamento del suo reparto.

Ma la vicenda – soprattutto dopo che l’assessore leghista alla Sicurezza Massimo Adriatici a Voghera ha sparato e ucciso con la pistola che portava con sé in piazza Youns El Boussetaoui – ha scatenato commenti e scambio di accuse fra centrodestra e centrosinistra. Tra le prime a commentare c’è stata la deputata lombarda del Pd Lia Quartapelle: “La destra spieghi subito perché un medico che entra armato in ospedale renderebbe Milano più sicura”. Mentre il senatore di Leu Francesco Laforgia ha aggiunto: “Come potrebbe rendere ‘Milano più sicura’ un candidato sindaco, medico pediatra, che gira armato in ospedale?”. Mentre su Facebook è intervenuto l’eurodeputato dem Pierfrancesco Majorino: “Senza parole”, ha scritto. Poco dopo l’assessore milanese Paolo Limonta e Elena Lattuada di Milano unita hanno dichiarato: “E’ impensabile che un medico giri armato considerata la delicatezza del suo lavoro, tanto più in un reparto ospedaliero dove ci sono bambini”. Difende Bernardo invece il deputato Fdi Marco Osnato: “A Usuelli dico che anche lui ha bisogno del porto d’armi visto che le spara così grosse”. Così come l’assessore regionale alla sicurezza di Fdi Riccardo De Corato che parla di “diffamazione elettorale”, e l’azzurro Gianmarco Comazzi che rincara accusando Usuelli di “squallido attacco personale”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforma Cartabia, Di Maio: “Il Movimento non ha posizioni ideologiche. Io tifo per la mediazione, Conte riuscirà a mettere d’accordo le parti”

next
Articolo Successivo

Luca Bernardo, candidato sindaco del centrodestra a Milano: “Io armato in ospedale? Sì, è capitato. Ma mai tra i pazienti in corsia”

next