Durante la conferenza stampa, seguita al Consiglio dei ministri, la ministra della Giustizia, Marta Cartabia, ammette che dopo “il Consiglio dei ministri precedente che ha trovato un punto di condivisione” sulla riforma del processo penale “nel dibattito che ne è seguito, si è aperta qualche preoccupazione espressa da più voci su un punto specifico che mi pare vada preso in considerazione seriamente – ovvero – data la criticità di alcune Corti di Appello di alcune zone d’Italia, evitare che l’impatto di una novità come ‘l’improcedibilità’ non provocasse un’interruzione di procedimenti importanti“. Cartabia assicura che “questa è una preoccupazione molto seria che anche il governo ha avuto sin dall’inizio ed è il terreno sul quale si stanno valutando proprio questi accorgimenti tecnici”. Il presidente del Consiglio, Mario Draghi, invece ha garantito: “Nessuno vuole sacche o soglie di impunità” e spiega che la richiesta del voto di fiducia sulla riforma della giustizia “non è con una minaccia di questo tipo che si fa una riforma così importante. Questa riforma deve essere condivisa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovo decreto Covid, dal 6 agosto green pass per ristoranti al chiuso, palestre, cinema. Draghi: “Condizione per tenere attività aperte”

next
Articolo Successivo

In Trentino-Alto Adige Svp e Lega si alzano gli stipendi: con l’adeguamento per i consiglieri 600 euro in più in busta paga (più gli arretrati)

next