Sul ddl Zan il pronostico di Matteo Renzi è questo: “Nelle prossime ore Letta sarà costretto ad una marcia indietro evidente”. L’analisi, invece, è questa: “Qualcuno nel Pd pensa di utilizzare questa battaglia in vista delle amministrative”. La proposta, infine, è questa: “I capigruppo di maggioranza del Senato coinvolgano quelli della Camera per stabilire assieme un cronoprogramma stringente: si approva la legge Zan con le modifiche concordabili e al tempo stesso alla Camera si impegnino subito a calendarizzare la terza e ultima lettura. Il prima possibile”. Insomma: il messaggio di Italia Viva al centrosinistra e al M5s, attraverso un’intervista alla Stampa, è “fidatevi del centrodestra“. Se, infatti, per Renzi è colpa del Pd se il ddl Zan non viene approvato (anzi, più chiaramente: “oggi il vero partito no-Zan è il Pd”), per i leghisti ci sono solo parole al miele. “A me della Lega non interessa niente. Siamo avversari politici e partecipiamo alla stessa esperienza di governo, come chiesto dal capo dello Stato”. Qui tuttavia si leva dall’orizzonte un gigantesco “ma”. “La Lega ha fatto un passo avanti enorme nella persona del presidente della commissione Giustizia Ostellari, bravo nell’ascoltare le posizioni altrui. Ha abbandonato una posizione ostruzionistica e va riconosciuto”.

L’intervista alla Stampa arriva proprio nelle stesse ore in cui anche Matteo Salvini ha ricominciato a offrire un accordo (“come chiede anche la Santa Sede” come dice con il consueto ritornello) al segretario del Partito democratico, respinto per l’ennesima volta dal segretario Enrico Letta (“discutiamo con persone che hanno una sola faccia”). Una sorta di manovra a tenaglia in vista delle prime votazioni sulla legge anti-omotransfobia previste in Aula al Senato martedì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, il videoblob sul peggio del dibattito in Aula: da “Come fare leggi per i ciccioni” a “peggio del fascismo”. Ecco con chi vuole dialogare Renzi

next