Era scomparso dai radar la mattina del 16 luglio, nella regione di Tomsk in Siberia. Un areo passeggeri Antonov An-28 con a bordo 17 persone (non 13 come inizialmente comunicato dall’agenzia Tass) è stato ritrovato dai soccorritori dopo alcune ore di ricerca. Tutti i passeggeri, stando a quanto riferito dal servizio sanitario regionale a Interfax, “sono tutti sopravvissuti”, anche se non si conoscono ancora le condizioni.

Il veivolo, della Siberian Light Aviation secondo Interfax, era partito da Kedrovy in direzione di Tomsk, quando il segnale sui radar è saltato. Immediata l’attivazione di squadre di soccorso, subito partite con un elicottero per le ricerche, andate poi a buon fine dopo qualche ora. Il velivolo ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza.

Non è il primo incidente simile. Come riporta il Moscow Times, a inizio mese un An-26 è precipitato nell’estremo est della penisola russa del Kamchatka, uccidendo tutte le 28 persone a bordo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, contagi record in Uk: quasi 52mila in 24 ore. Coprifuoco in Catalogna. Ecdc: “Il 1 agosto i contagi saranno cinque volte più alti”

next
Articolo Successivo

Alluvioni in Germania, dopo le esondazioni rimangono i danni: edifici e ponti distrutti a Schuld

next