A pochi giorni dal suo coming out, la senatrice Barbara Masini ha preso la parola in Senato per difendere il disegno di legge – a prima firma Alessandro Zan – contro l’omotransfobia e l’abilismo e, in un passaggio in cui si è commossa, ha parlato della propria esperienza personale: “Quando capì di me mia madre mi disse: ‘Ho paura per te’. Tutti i genitori hanno paura per i propri figli. Per il loro futuro, per la loro salute, per un incidente, per una casualità amara del destino. Ma non tutti sono costretti ad avere pura per una società immatura, che ritiene che tuo figlio o tua figlia possano o debbano essere un soggetto più vulnerabile per quello che è”. Poi Masini si è rivolta a chi, da settimane, sta osteggiando il ddl Zan: “A voi tutti auguro di poter guardare negli occhi i vostri cari. Quelli di oggi e quelli di domani, e anche quelli che un domani saranno diversi dai vostri desideri. E poter dire loro, io nel mio piccolo ti ho protetto dalla paura“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ddl Zan, continua la discussione in Senato sul disegno di legge contro l’omotransfobia: la diretta

next
Articolo Successivo

Ddl Zan, i teoremi di Pillon: “Gli azzurri dopo la vittoria chiamano la mamma, non il genitore 1. Abbiamo anticorpi contro il superamento del binarismo sessuale”

next