“Come migliorare la sanità nella post-pandemia? Ci sono due problemi: il primo riguarda i tagli decisi nel decennio 2010-2019, il secondo la governance, e in particolare il rapporto tra Stato e Regioni. Per migliorare la sanità, è necessario restituire maggiore centralità allo Stato, con capacità di indirizzo e di verifica sulle Regioni, intervenendo anche sulla leva finanziaria”. A parlare è Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, intervistato durante la diretta web “Dal laboratorio al paziente: l’innovazione che serve alla salute”, promossa da Federchimica Assobiotec per raccontare l’innovazione che serve all’Italia per un futuro migliore dopo la pandemia e presentare le proposte delle imprese del settore per costruire insieme, grazie al Next Generation EU, al PNRR e con la prossima legge di Stabilità, il cambiamento e la rinascita italiana. Le proposte sono inserite all’interno di un quaderno che Federchimica Assobiotec ha messo a disposizione dei decisori italiani.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sanità, in Friuli-Venezia Giulia un primario su 3 è “facente funzione”: molti anche da 7-8 anni. La denuncia dei sindacati: “Oneri senza tutele”

next
Articolo Successivo

Europei, il caso del bus scoperto. Il prefetto di Roma contro la Figc: “Il permesso non c’era”. Replica: “Scelta condivisa dalle istituzioni”

next