È morto ieri sera all’età di 94 anni Armando Gasiani, fra gli ultimi italiani sopravvissuti alla deportazione nazista e presidente onorario dell’Associazione nazionale ex deportati nei campi nazisti (Aned) di Bologna. A dare l’annuncio è la stessa associazione attraverso un post su Facebook. La sua scomparsa “lascia a tutta l’associazione un vuoto immenso”, queste le parole dell’Aned. “Con lui se ne va una delle ultime testimonianze oculari dell’orrore dei campi di sterminio” scrive invece l’Associazione nazionale partigiani d’Italia (Anpi) di Bazzano.

Nato a Castello di Serravalle il 23 gennaio 1927, da sempre residente ad Anzola (Bologna), Armando Gasiani giovanissimo prese parte alla lotta di liberazione, poi catturato e torturato dai nazifascisti prima di essere deportato nel campo di concentramento di Bolzano. Dal gennaio 1945 fu trasferito in quello di Mauthausen, in Austria dove rimase fino al 6 maggio 1945. Nel 2004, in un’intervista per il progetto “Lager e deportazione” aveva confessato che il capolavoro del cinema La vita è bella di Benigni gli aveva dato la forza di raccontare la sua testimonianza, “la via d’uscita”. Da quel momento aveva cominciato a coinvolgere e accompagnare i più giovani nei luoghi delle deportazioni.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Saman, Tribunale del riesame nega ricorso: il cugino resta in carcere. Trasferito per “questioni di sicurezza” il fratello

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: 1.400 contagi con 208.419 test, tasso di positività rimane stabile allo 0,67%. Altre 12 vittime, scendono ancora i ricoverati

next