Google sta sperimentando misure per proteggere ulteriormente gli utenti del suo motore di ricerca dall’utilizzo di risultati che potrebbero essere inaffidabili o intrinsecamente falsi.

Nell’era delle fake news, l’azienda ha recentemente avviato un meccanismo di fact-checking per accertare l’autenticità dei risultati della ricerca. Il fact-checking migliorerà ulteriormente la qualità delle informazioni a cui si accede tramite il motore di ricerca. Tuttavia, il meccanismo di fact-checking non è efficace se sommerso da ultime notizie, rendendo difficile il fact-check dei contenuti e stabilire quale sia autentico.

In tale scenario in cui Google non può garantire l’autenticità di un elemento di ricerca, è stato segnalato che Google avviserà successivamente l’utente. Seguirà quindi l’avviso, affermando che l’argomento che stai cercando è nuovo. Viene fornita un’indicazione che l’algoritmo di fact-checking richiede tempo per stabilire l’affidabilità delle fonti.

Come le piattaforme di social media Facebook e Twitter, anche Google sta dunque implementando progressivamente algoritmi di deep learning per frenare la diffusione di bufale sulla propria piattaforma.

Inoltre, per gli argomenti di cui non è possibile controllare rapidamente il risultato della ricerca, gli utenti saranno informati di una situazione in evoluzione. Google ha già confermato di aver iniziato i test una settimana fa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samsung Galaxy Note 20 5G in offerta con sconti tra i 200 e i 300 euro

next
Articolo Successivo

Lenovo Tab M7 e Tab M8, ufficiale la terza generazione di tablet

next