Sono stati 389 i nuovi casi positivi rintracciati nelle ultime 24 ore in Italia tra i 75.861 tamponi processati con un’incidenza stabile allo 0,5%. Lo scorso lunedì i contagi accertati erano stati 495. I morti sono 28, la metà dei quali attribuibile a un ricalcolo della Campania di decessi di aprile e maggio.

Lieve calo delle ospedalizzazioni con 20 posti letto in meno occupati in area medica e 5 in meno in terapia intensiva, dove si sono registrati 5 ingressi (due nel Lazio, uno in Lombardia, Piemonte e Sicilia). Nelle strutture restano quindi ricoverati 1.723 pazienti nei reparti Covid e 289 in rianimazione.

Dall’inizio della pandemia sono 4.258.456 i contagi accertati di Sars-Cov-2 in Italia. In 4.076.274 sono guariti o sono stati dimessi, mentre 127.500 sono deceduti. Gli attualmente positivi sono 54.682, di cui 52.670 sono in isolamento domiciliare.

La Regione con il maggior incremento nelle 24 ore è la Sicilia, che comunica 84 nuovi casi. Seguono Emilia-Romagna (64), Lazio (52), Campania (48) e Lombardia (46). In Toscana sono stati 33 i positivi comunicati, 20 in Veneto e 14 in Piemonte. Tutte le altre aree del Paese ne comunicano meno di 9 (Puglia) e ben 5 regioni non segnalano nuovi casi. Si tratta di Liguria, Umbria, Basilicata, Molise e Valle d’Aosta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Asl chiama per anticipare seconda dose di vaccino, la sposa lascia il pranzo di matrimonio e va all’hub per somministrazione

next
Articolo Successivo

Milano, tafferugli tra carabinieri e un gruppo di ragazzi in piazza XXIV maggio. La denuncia: “Picchiati e manganellati perché stranieri”

next