“Questa volta ce la faremo perché il Paese è dalla parte dei diritti e la politica non può più essere sorda di fronte a questa necessità”. Lo ha detto il deputato del Pd Alessandro Zan, relatore del disegno di legge contro l’omotransfobia, che oggi ha partecipato al Pride milanese. All’Arco della Pace, migliaia di persone si sono riunite per gridare il sostegno al ddl Zan: “Non c’è più tempo – spiega una signora – bisogna esporsi e chi non lo fa è complice delle discriminazioni”. Sul palco è salito anche il sindaco di Milano, Giuseppe Milano: “Se qualcosa di buono succede nel nostro Paese, parte da Milano. Facciamo partire da qui la spinta finale al ddl Zan”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Incidente Lago di Garda, per l’autopsia Greta è morta per annegamento. Agli atti anche un video dell’arrivo del motoscafo

next
Articolo Successivo

Covid, i dati: 838 nuovi positivi con 224.493 tamponi. Tasso di positività stabile allo 0,4%, 40 nuove vittime (ma la metà da ricalcolo)

next