Un tentativo di rapina ha coinvolto – poco prima delle 20.30 – un mezzo portavalori in viaggio sull’autostrada A1 Milano-Napoli, tra i caselli di Valsamoggia e Modena Sud. L’assalto è avvenuto all’altezza del chilometro 178 in direzione Sud, nel territorio di Castelfranco Emilia. I rapinatori hanno gettato dei chiodi sull’asfalto per fermare il traffico e poi minacciato con armi in pugno gli automobilisti, facendoli scendere e dando fuoco alle loro auto per creare un diversivo che li facilitasse nella fuga: uno schema, pare, già usato in altre occasioni. Sono stati sparati alcuni colpi e nella zona è rimasta a lungo visibile, da chilometri di distanza, una voluminosa colonna di fumo che saliva dalle auto in fiamme. I responsabili sono fuggiti senza asportare nulla dal mezzo e le forze dell’ordine li cercano tra le province di Modena e Bologna.

Nessuno dei coinvolti è rimasto ferito e l’incendio al veicolo è stato infine spento. Sono in corso i rilievi da parte della Polizia Stradale e le operazioni di bonifica del tratto autostradale, chiuso al traffico in entrambe le direzioni. Sul luogo, oltre a pattuglie della Polizia Stradale, sono arrivati i Vigili del fuoco, i soccorsi meccanici e il personale della Direzione di Tronco di Bologna di Autostrade per l’Italia. In un primo momento era stato fatto levare in volo anche l’elicottero del 118 con le ambulanze di supporto, rientrato in seguito, quando è stato chiaro che non c’erano feriti. Al momento la vicenda ha causato quattro chilometri di coda in direzione Milano e due in direzione Bologna. Le testimonianze – sia dei vigilanti che erano a bordo del furgone, sia degli automobilisti e dei camionisti che sono stati minacciati dalla banda – saranno determinanti per ricostruire nel dettaglio la dinamica dell’assalto e per raccogliere elementi per individuare i colpevoli.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bari, 54enne in rianimazione: “Ischemia dopo vaccino”. Era in cura per “trombosi venosa periferica”. Il 26 maggio immunizzato con J&J

next
Articolo Successivo

Immunità di gregge? I numeri delle forniture di vaccini in arrivo (con 32 milioni di dosi che rischiano di essere buttate) e le incognite: gli over 60 mancanti e la fretta sugli adolescenti

next