Nuova guida per Podemos. Ione Belarra, attuale ministra dei Diritti Sociali e psicologa di 33 anni ha vinto le primarie del partito di sinistra spagnolo per eleggere il nuovo leader che prenderà il posto di Pablo Iglesias, che ha annunciato a maggio il suo addio alla politica.

Con l’88,6% delle preferenze dei 53mila voti totali espressi dagli iscritti al partito, la ministra si è avvicinata ai numeri del predecessore, confermando le previsioni sulla sua vittoria. Belarra ha registrato un netto distacco dagli altri due candidati alla direzione: Esteban Tettamenti Bogliaccini e Fernando Barredo. I risultati sono stati annunciati nel corso del IV Congresso di Podemos ad Alcorcón, alla periferia di Madrid.

Belarra sostituirà il leader storico (assente al congresso) che era alla guida del partito dalla sua fondazione, nel gennaio 2014. E proprio a Iglesias ha dedicato le prime parole da neo-segretaria del partito: “Grazie per ciò che hai fatto per questo spazio politico, però soprattutto per tutto ciò che hai fatto per il tuo Paese”, ha detto. La candidatura della ministra Belarra è stata sostenuta dai principali esponenti di Podemos e da altre figure vicine alla formazione di sinistra. Una fra tutte, l’attuale vicepremier e ministra del Lavoro del governo spagnolo Yolanda Díaz.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Variante Delta, la mutazione del coronavirus è più trasmissibile del 60% e preoccupa l’Europa. L’Argentina ha prorogato lo stop dei voli

next
Articolo Successivo

Israele, finita l’era di Netanyahu. Naftali Bennett è il nuovo premier (interrotto più volte durante il suo discorso)

next