Seconda puntata dell’inchiesta de ilfattoquotidiano.it, che ha provato a fare colloqui con albergatori e titolari di stabilimenti balneari della Riviera Romagnola, da Cervia a Riccione, riprendendoli con telecamera nascosta. Dopo offerte di lavoro con turni infiniti, anche di 13 ore, senza alcun giorno di riposo settimanale, alcuni proprietari di hotel e stabilimenti si spingono oltre. E spiegano quali sono le indicazioni di comportamento che danno ai loro dipendenti in caso di controlli. “Non si tratta di lavoro nero o bianco, ma se viene un controllo, devi dire che fai sei ore e quaranta e che hai il giorno libero. Sai che devi fare il giorno libero, ma che non sai quando lo farai perché cambia sempre in base ai turni. Questo è quello che devi dire, ma poi la realtà è un’altra. Lo sappiamo noi, ma la sanno anche loro (i controllori, ndr)”. Un sistema di cui tutti, stando alle parole di un’albergatrice, sarebbero a conoscenza.

Eppure per tanti imprenditori del turismo la colpa della mancanza di manodopera non sono delle condizioni di lavoro e dei contratti proposti, ma del reddito di cittadinanza e dei sussidi. “Stiamo cercando lavoratori, ma c’è poca disponibilità a lavorare. È tutta colpa del reddito di cittadinanza, la gente preferisce stare a casa piuttosto che lavorare”. Poco prima, l’imprenditore romagnolo aveva offerto 1300 euro euro per undici ore di lavoro al giorno, sette su sette. “Ma sulla busta scriviamo che fai 6 ore e quaranta e che hai un giorno libero”. La narrazione è sempre simile in tutti i casi. “Io metto l’annuncio per un lavoro da 1400 euro, ma non mi risponde nessuno perché magari prendono un sussidio da 800 e preferiscono stare a casa” spiega un’albergatrice, dopo aver specificato che anche lei “non prevede il giorno di pausa e che segna sei ore e quaranta in busta”, a fronte di un impegno giornaliero che supera le dieci ore senza riposi settimanali . “Anche il giorno libero, ce l’hai sulla busta, ma non lo fai. Qui in riviera si lavora sette giorni su sette”. [CONTINUA…]

Se volete raccontare la vostra esperienza, scrivete all’indirizzo redazioneweb@ilfattoquotidiano.it, indicando “stagionali” nell’oggetto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘I giovani rinuncino ai sussidi facili, si mettano in gioco’. Parola di Guido Barilla, che intanto chiede finanziamenti statali per la sua azienda

next