Sono in leggero calo i contagi giornalieri da coronavirus in Italia. Mentre nella giornata di ieri le persone risultate positive ai test sono state 2.079, oggi la cifra scende di oltre 150 unità, fermandosi a 1.901. Un calo ancora più importante se si considera anche l’aumento dei tamponi processati: sono 217.610 i test eseguiti oggi contro i 205mila di ieri. Numeri che fanno scendere il tasso di positività sotto la soglia dell’1% toccata ieri, fino allo 0,9%. In calo anche il numero delle vittime che, nelle ultime 24 ore, sono state 69, contro le 88 di ieri.

Anche oggi si registrano quasi 6mila persone dimesse o guarite, 5.893 per la precisione. Numero che favorisce ancora la diminuzione degli attualmente positivi nel Paese che, in calo di 4.070 in 24 ore, sono adesso 165.239. Un trend che permette alle strutture ospedaliere italiane di lavorare con meno pressione, grazie alla sempre maggiore disponibilità di posti letto nei reparti Covid. Quelli attualmente occupati nelle terapie intensive del Paese sono 597, in calo di 29 rispetto a ieri, mentre negli altri reparti Covid si trovano 3.876 pazienti, in calo di 277 in 24 ore. Infine, in isolamento domiciliare ci sono 160.766, 3.764 in meno rispetto a ieri.

Analizzando i dati regione per regione, si nota che in valori assoluti quella più colpita nelle ultime 24 ore è stata la Sicilia, con 273 contagi registrati. Seguono la Lombardia con 270, la Campania con 199, il Lazio con 169 e la Toscana con 146.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Astrazeneca, Galli: “Sotto una certa fascia d’età non andava usato. Possibili effetti collaterali gravi si manifestano di regola entro 15 giorni”

next
Articolo Successivo

Dopo la grande gelata del desiderio durante il lockdown, arrivano i mesi del “liberi tutti”? L’estate desnuda su Fq Millennium in edicola

next