Dopo mesi di stop, anche a Milano hanno riaperto le palestre. “È il primo passo verso la normalità”, spiega Luca, che gestisce una sala a Città Studi dove una decina di persone attende l’inizio della lezione di cross-fit. Arrivano già cambiati perché, secondo le ultime disposizioni del Comitato tecnico scientifico, non è possibile fare la doccia né usare gli spogliatoi, ma la voglia di tornare a fare esercizio insieme e distanziati prevale. “Lo smart working aiuta a permettersi di arrivare già cambiati, ma in una situazione di normalità sarebbe già impegnativo”, dice uno dei clienti della palestra. La speranza per tutti è che presto si possa tornare a fare lezione come prima della pandemia. “Il Cross Fit prepara a qualsiasi sfida – conclude Luca – dunque anche ad affrontare questi sette mesi chiusura, l’abbiamo vissuta come una sfida impegnativa, ma siamo qui”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti tra Italia e Slovenia, la frontiera dove l’Ue ha già superato gli Accordi di Dublino. Intanto la rotta balcanica ridisegna il suo corso

next
Articolo Successivo

2 giugno, Black Lives Matter in piazza a Roma contro il razzismo e per i diritti: “Repubblica incompleta, allargare il bacino della cittadinanza”

next