“Tutto quello che speriamo di fare nel Pnrr è elettrificare il più possibile così a liberarci dai combustibili fossili. Questa cosa non si fa in un attimo, dobbiamo avere almeno il 70% di energia elettrica da rinnovabili entro il 2030″. Lo ha detto il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani, intervistato su Facebook da Matteo Renzi. “Per fare questo dobbiamo istallare 70 miliardi di watt a terra o in mare entro il 2030. Siccome abbiamo 9 anni, dovremmo mettere ogni anno 8 miliardi di watt. Oggi ne mettiamo 0.8, dobbiamo decuplicare la nostra capacità – ha aggiunto il ministro – si tratta di trovare un accordo nazionale, sociale, fra tutti quelli che hanno voce in capitolo. Perché a parole siamo tutti d’accordo sulla carta, poi quando si inizia ‘no qui, no lì, no nel mio giardino’. A quel punto diciamolo chiaramente, non siamo capaci di farlo, usciamo dall’accordo di Parigi e risparmiamoci la figuraccia di dare indietro i soldi”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dal 3 luglio al bando la plastica monouso. L’Italia protesta contro le linee guida Ue. Cingolani: “Va bene solo riciclabile? Assurdo”

next
Articolo Successivo

Stop plastica, l’Italia contro l’Ue: “Penalizza la nostra industria”. Ma la direttiva è del 2019: in due anni la politica non ha fatto nulla per riconvertire le imprese

next