Share Now, la società di car sharing che nel 2020 ha unito sotto lo stesso cappello i servizi di Smart (con Car2go) e Bmw (questa con DriveNow), ha appena stretto una nuova partnership con il portale online CercaOfficina.it, per creare una rete di servizi di manutenzione dell’auto.

“L’obiettivo è di rendere il settore 4.0, in linea con l’evoluzione del mercato automotive e, in generale, di tutta la mobilità” dichiara Marco Brusamolino, CEO di CercaOfficina.it, portale nato nel 2013 all’interno dell’incubatore promosso dall’Università Bocconi di Milano, e ideato da MadeInItaly Ventures, la startup (di cui Brusamolino è co-fondatore) che ne ha vinto il bando.

“Ogni giorno Share Now si ritrova con alcune auto che presentano problematiche e hanno bisogno di essere portate in officina, in modo veloce e senza alcun tipo di preavviso” spiega ancora il CEO della startup, “Per risolvere queste esigenze, abbiamo individuato un circuito di officine su Roma, Torino e Milano e abbiamo organizzato la nostra piattaforma affinché tutti gli interventi richiesti possano essere svolti in modo efficiente e in tempi brevi”.

La flotta di auto in car sharing che entrerà nel circuito, inizialmente, prevede 1.300 veicoli per Milano, 600 per Roma e 350 per Torino.

Il progetto alla base della startup e della piattaforma stessa, però, è stato pensato non solo per la gestione di flotte ma anche per quella di veicoli privati, mettendo a disposizione dell’utente-automobilista uno strumento per digitalizzare l’intero processo di ricerca e scelta di officine e carrozzerie.

“Si tratta di una vera e propria sfida verso il futuro che noi di CercaOfficina.it abbiamo deciso di cogliere ormai otto anni fa e che ora cerchiamo di far cogliere alle officine partner, attuali e future – conclude Marco Brusalino – le sensibilizziamo ad andare incontro, per gradi, alle evoluzioni del mercato e alle nuove esigenze dei clienti, aiutandoli ad individuare le priorità da affrontare e su cui concentrare gli investimenti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mobilità sostenibile, Luiss e Kinto presentano il primo master universitario dedicato

next
Articolo Successivo

Mercato auto in picchiata: a maggio -28% sul 2019

next