“La legge è inutile per chi non vive e sente sulla propria pelle il peso quotidiano del pregiudizio, che è multiforme. La forma più violenta è l’aggressione fisica, e si arriva fino all’omicidio”. Attivista e scrittrice, erede di Marcella di Folco alla presidenza del Movimento identità trans, Porpora Marcasciano oggi è in prima linea tra coloro che si battono per l’approvazione del ddl Zan contro l’omotransfobia. Insieme a Franco Grillini, altro esponente storico del movimento per i diritti lgbt, è intervenuta in una diretta del Fattoquotidiano.it dedicata al dibattito introno al disegno di legge. “Chi non vive le discriminazioni trova secondaria una legge come quella di Zan. Noi invece la riteniamo fondamentale, perché se i crimini d’odio e aggressioni ci sono sempre stati e negli ultimi anni sono anche aumentati. E ci sono cause precise: sono fomentati e alimentati da una certa cultura e una certa politica. La stessa che non vede nel ddl Zan qualcosa di importante. Invece è fondamentale mettere un paletto per cominciare ad arginare questa violenza”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omotransfobia, Grillini: ‘Diritti sociali e civili vanno di pari passo. Il ‘benaltrismo’ è solo una scusa per ritardare la legge”

next
Articolo Successivo

“Vogliamo creare una rete di prossimità per stare vicino alle persone disabili e alle loro famiglie”. I primi 4 mesi del Centro Famiglie+

next