L’oleodotto statunitense bloccato da venerdì scorso a causa di un attacco informatico ha iniziato a ripristinare il flusso di carburanti. La condotta che corre dal Texas al Nord Est del paese per quasi 9mila kilometri, ha una capacità di 100milioni di galloni al giorno (circa 400 milioni di litri) e fornisce il 45% della benzina e del gasolio utilizzate in aree come New York, Atlanta o Washington. Ieri circa 2mila impianti di distribuzione hanno chiuso a causa dell’esaurimento delle scorte mentre alle pompe ancora in funzione si sono formate lunghe code di auto. Il prezzo della benzina è salito sui massimi degli ultimi 6 anni.

L’oleodotto gestito da Colonial pipeline è il più importante degli Stati Uniti ed è stato colpito da un ransomware, un software malevolo che blocca i sistemi informatici fino a quando non viene pagato un riscatto in valute digitali. L’attacco è stato rivendicato dal gruppo russo di criminali informatici professionisti Darkside che ha detto di non agire per ragioni politiche ma semplicemente per soldi. Non si può escludere che dietro Darkside si celino committenti terzi, compresi stati. Secondo quanto si apprende la società non avrebbe intenzione di pagare il riscatto ed è al lavoro insieme alla società di sicurezza informatica statunitense FireEye per ripristinare pienamente l’operatività del sistema .

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Striscia di Gaza, Israele pronto all’invasione via terra: “Ci prepariamo alla battaglia”. E richiama altri 9mila riservisti: 16mila in totale

next
Articolo Successivo

Israele, se non ci sarà un governo di cambiamento si rischierà una guerra civile

next