Il 30 marzo scorso avevano picchiato a sangue un uomo lasciandolo a terra esanime. Oggi per due giovani di Sezze, provincia di Latina, è scattato l’arresto. La polizia ha rintracciato i due presunti responsabili del pestaggio – uno di 17 anni e l’altro di 20 – ha eseguito due ordinanze di custodia cautelare per tentato omicidio. Le indagini, durate più di un mese nonostante il fatto sia accaduto in pieno centro e alla presenza di molti testimoni, sono state condotte dagli agenti della Squadra mobile della città.

Dalle ricostruzioni emerge che i due hanno prima tramortito la vittima – un cittadino romeno – con uno schiaffo dato dal minorenne, e poi steso a terra con un pugno dato dal ventenne, pugile dilettante. L’uomo, ubriaco e incapace anche solo di schivare i colpi, è finito a terra sbattendo violentemente la testa sull’asfalto, fratturandosi il cranio e perdendo conoscenza per un’emorragia cerebrale. All’arrivo dei soccorsi, il romeno è stato all’ospedale Santa Maria Goretti. Da lì la chiamata dei sanitari ai poliziotti di Latina e l’avvio delle indagini che hanno portato oggi a chiudere il cerchio su due ragazzi. Due ordinanze di custodia cautelare con l’accusa di tentato omicidio nonostante il loro tentativo di precostituirsi un alibi.

“Nonostante l’accertata presenza di numerose persone sul posto – rende noto la Questura -, in pieno centro cittadino del paese, i poliziotti hanno riscontrato ritrosia e notevole difficoltà nel trovare testimoni diretti dell’accaduto. Ma le minuziose investigazioni svolte, corroborate da attività di natura tecnica, hanno chiarito la dinamica dei fatti”. Oggi, il minorenne è stato trasportato in un Istituto Penale Minorile, l’altro in carcere. La vittima, sottoposta a delicati interventi chirurgici, non è più in pericolo di vita.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Caso Moro, quante bugie dopo oltre 40 anni. Ad esempio il capitolo ‘Gladio’

next
Articolo Successivo

Alunno morto, condannata a un anno la maestra che autorizzò il piccolo a uscire dall’aula

next