Archiviazione perché i fatti non sussistono per i tre poliziotti, appartenenti alla scorta di Matteo Salvini, indagati perché cercarono di impedire al giornalista di Repubblica, Valerio Lo Muzio di riprendere il figlio dell’allora ministro dell’Interno su una moto d’acqua della polizia a Milano Marittima, nel Ravennate. Il fatto risale al 30 luglio 2019. La procura aveva chiesto l’archiviazione per peculato d’uso della moto d’acqua e per violenza privata sul giornalista, in questo caso per tenuità del fatto, mentre il giudice per le indagini preliminari di Ravenna, Corrado Schiaretti, ha optato per una formula piena.

Il figlio dell’ex ministro fece un giro sulla moto d’acqua della polizia, mentre due persone in costume che si identificarono come poliziotti impedirono di riprendere. Il giorno dopo l’accaduto, era stato lo stesso videomaker a chiedere a Salvini un chiarimento sul comportamento degli agenti che tentarono di impedirgli di riprendere la scena. “Vada riprendere i bambini in spiaggia visto che le piace tanto“, era stata la risposta dell’allora responsabile del Viminale durante la sua conferenza stampa dal Papeete Beach.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Cucchi, la sorella Ilaria dopo la sentenza d’appello: “Mi tremano le gambe. Il pensiero va ai miei genitori, hanno fatto questo per Stefano”

next
Articolo Successivo

Procura europea, l’ora del terremoto per la Giustizia italiana si avvicina

next