“Ribadisco il profondo rispetto che il governo ed io abbiamo per il Parlamento. Indubbiamente i tempi erano ristretti, la scadenza del 30 aprile non è mediatica come si è detto”. Così Mario Draghi, durante la replica in Aula alla Camera sull’esame del Piano nazionale di ripresa e resilienza. “Se si arriva prima si ha accesso ai fondi prima”, ha precisato, sottolineando che però è stato tenuto conto di “molti dei punti di vista del Parlamento espressi prima”.

“Il contributo che il Parlamento può dare al Piano è solo all’inizio – ha poi continuato – Le riforme contenute nel Piano saranno adottate con provvedimenti legislativi, nei cui procedimenti di adozione il Parlamento avrà un ruolo determinante”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Santoro a La7: “Oggi in tv il conformismo è ovunque. M5s? Mi sarei aspettato rivoluzione in Rai e invece si sono accomodati sulle poltrone”

next
Articolo Successivo

Il discorso alla Camera di Mario Draghi: bello nella forma, deludente nella sostanza

next